Di Matteo: legge Cartabia solo contro crimini di strada. Per la corruzione la casta non ha premura?

1 Novembre 2021
Lettura 1 min

“È il momento più buio per noi toghe. E la legge Cartabia viola la Costituzione. La maggioranza di turno potrà ad esempio in futuro stabilire che bisogna perseguire prima la criminalità da strada e poi, solo se resta tempo, i reati di corruzione o tipici dell’abuso di autorità. Così si mina l’obbligatorietà dell’azione penale e l’autonomia e indipendenza della magistratura. Non è solo un problema della casta della magistratura. Intravedo un grave pericolo per i cittadini e le minoranze che si oppongono alla maggioranza di turno”. Così in una intervista al Fatto Quotidiano il pm Nino Di Matteo.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ponte di Ognissanti, spesi 80 milioni in meno su pre Covid

Prossimo Servizio

“Crocodile rock”, i libri che uniscono musica e animali

Ultime notizie su Politica

Carceri, un casino

Dopo la giornata difficile nel carcere friulano di Gorizia, ecco “l’ennesima serata di follia e violenza, vissuta nella notte nella struttura di Santa Maria Maggiore a Venezia”, racconta Giovanni Vona, segretario per
TornaSu

Don't Miss