Covid 19, misure governo prorogabili fino al 31 luglio

Lettura 1 min

Sono prorogabili fino al 31 luglio le misure per il contenimento del Covid-19 decise dal governo. Le varie strette stabilite, dal divieto di lasciare la propria abitazioni perché in quarantena alla chiusura di ville e giardini, ecc., “possono essere adottate per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al 31 luglio 2020 e con possibilità di modularne l’applicazione in aumento ovvero in diminuzione secondo l’andamento epidemiologico del predetto virus”. E’ quanto si legge nella bozza del dl, visionato dall’Adnkronos, che verrà esaminata oggi alle 14 dal Cdm.

Un passaggio prevede che le Regioni, in relazione a specifiche situazioni di aggravamento ovvero di attenuazione del rischio sanitario verificatesi nel loro territorio o in una parte di esso, possono introdurre ovvero sospendere, limitatamente a detti ambiti territoriali, l’applicazione di una o più delle misure” di contenimento. “Qualora tali misure – si legge nella bozza – si applichino su tutto il territorio regionale, ovvero su oltre la metà di esso o a oltre la metà della popolazione residente nella regione, la loro efficacia è limitata a sette giorni e, entro ventiquattro ore dalla loro adozione, è formulata proposta al Presidente del Consiglio dei ministri, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, per la loro conferma con il decreto ivi previsto”. Le misure “non possono essere in alcun caso reiterate” altrimenti “sono inefficaci”.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Stiamo diventando uno Stato di polizia? Via libera dell'Enac all'utilizzo dei droni per il controllo degli spostamenti

Default thumbnail
Prossimo Servizio

La lettera dei medici dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo al New England Journal of Medicine

Ultime notizie su Politica