Conte si arrende, desecretati gli atti del Comitato Tecnico Scientifico sul COVID

Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Sembrerebbe una svolta clamorosa dall’esecutivo italiano. Dopo la denuncia del COPASIR, Palazzo Chigi ha comunicato, un’ora fa, alla Fondazione Einaudi (la quale si era fatta carico della battaglia legale per rendere pubblici le documentazioni COVID, ndr), la volontà di desecretare il dossier del Comitato Tecnico Scientifico sul Coronavirus in Italia.

Dopo il diniego di qualche giorno fa, il quale avrebbe provocato secondo l’esecutivo possibili evoluzioni disdicevoli nell’ordine pubblico, la svolta clamorosa.

Come ha scritto La Repubblica, a dare l’annuncio è la stessa Fondazione che in una nota fa sapere che i suoi avvocati hanno ricevuto dalla presidenza del consiglio dei ministri la documentazione a suo tempo secretata del Comitato tecnico scientifico posta a base dei Dpcm sul Coronavirus”. Un gesto, dice la Fondazione, che accoglie ” l’appello che il presidente Giuseppe Benedetto ha rivolto al premier Conte di far prevalere informazione e trasparenza rispetto ad elementi di tale rilevanza per la vita dei cittadini italiani”.

Attendiamo, insieme a tutto il popolo italiano, i documenti.

https://www.repubblica.it/politica/2020/08/05/news/coronavirus_il_copasir_chiede_al_governo_gli_atti_del_comitato_tecnico_scientifico-263826463/?refresh_ce



Servizio Precedente

"Danni a casa mia a 15km dal porto". La testimonianza di un'italiana in Libano

Prossimo Servizio

Curarsi con i doni delle api. Il segreto di lunga vita