BELLA CIAO MATTEO – Vi immaginate Berlinguer al Papeete a fare una crisi di governo? Da Trump a Putin, dal rosario alla Corea del Nord, dalla Padania a Dio famiglia e patria, dalle frecce tricolori al no euro…

Lettura 1 min

di Stefania Piazzo – Andare a vivere politicamente in via delle Botteghe Oscure, cosa che fa la Lega, non vuol dire diventare Berlinguer. Eppure Matteo Salvini crede funzioni così, e che questo gli attibuisca per via ereditaria toponomastica l’accesso all’eredità politica del partito popolare e popolano che fu di Enrico Berlinguer.

Berlinguer non avrebbe mai aperto una crisi di governo al Papeete, Salvini questo lo sa? Non avrebbe mai stretto la mano a un dittatore coreano, non avrebbe mai recitato le litanie dei santi in piazza Duomo a Milano e invocato la protezione del cuore immacolato di Maria. Ma non per una questione di fede. Ma perché la fede è una cosa seria e non è una trombetta da comizio.

Berlinguer non avrebbe mai detto no all’euro, perché aveva strappato dall’Unione sovietica e dal Pci a trazione comunista ortodossa. Aveva un’idea di Europa non sovranista. Ed era in quel partito che fu del comunista Guido Fanti in Emilia Romagna, che parlava di Padania, a differenza di Salvini, che l’ha messa in soffitta con i ricordi del nonno. Ammesso non abbia svuotato anche la soffitta.

Berlinguer non avrebbe mai fatto una alleanza con la destra. E non era poi così esaltato davanti al tricolore. La sinistra il concetto di Patria lo ha sdoganato qualche anno dopo. Idem la bandiera e l’inno.

Ora aspettiamo Matteo Salvini intonare Bella Ciao ai prossimi comizi. L’ eredità si manda giù tutta.

Servizio Precedente

"Esodo, soggiorni domiciliari estivi e skype per i boss". La denuncia dell'Associazione Vittime del dovere

Prossimo Servizio

Che fine ha fatto la riforma della giustizia civile approvata il 6 Dicembre 2019? Il Punto di Antonino Arconte

Ultime notizie su Politica