Schiavi e schiavisti. Il caporalato tra i filari delle Langhe. Stranieri picchiati, sottopagati come bestie

11 Luglio 2024
Lettura 1 min

Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro e per violazioni alla normativa relativa al soggiorno degli stranieri sul territorio nazionale: sono i reati di cui devono rispondere tre persone all’esito di un’indagine coordinata dalla procura di Asti sullo sfruttamento di braccianti agricoli, nei vigneti nel territorio delle Langhe. Due, di nazionalità marocchina e macedone, sono finiti agli arresti domiciliari, mentre un’altra, albanese, è destinataria di un divieto temporaneo di esercitare attività professionali. I provvedimenti sono stati eseguiti dalla polizia di Stato di Cuneo e la relativa ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Asti. Chi si ribellava, a quanto è emerso dalle indagini, veniva le indagini della squadra mobile di Cuneo sono partite lo scorso anno, a seguito di diverse segnalazioni da parte di associazioni preposte alla tutela dei diritti delle persone e dei lavoratori, nelle quali si evidenziava lo sfruttamento di braccianti agricoli, in gran parte di origine africana, impiegati nelle attività connesse alla coltivazione dei vigneti nel territorio delle Langhe. Nel corso dell’attività investigativa sono stati accertati anche casi di violente aggressioni fisiche nei confronti dei lavoratori che protestavano per le condizioni di sfruttamento. Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari sono stati posti sotto sequestro preventivo un immobile e cinque veicoli, tra automobili e furgoni, tutti utilizzati dagli indagati per accompagnare i braccianti sui luoghi di lavoro.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ecco servite anche le bollette più care d’Europa

Prossimo Servizio

Dalle Langhe a Latina… Quel buonismo populista sull’immigrazione che il Corriere rinfaccia alla sinistra

Ultime notizie su Piemonte

TornaSu