No Tav, notte di tensione alla vigilia della visita di Salvini

Lettura 3 min

 Notte di tensioni in Valle di Susa. Alla vigilia della visita a Chiomonte del leader della Lega, Matteo Salvini, No Tav incappucciati hanno assaltato il cantiere della Torino-Lione. Una cinquantina di persone, riconducibili all’area piu’ oltranzista del movimento che si oppone all’Alta Velocita’, quella antagonista e anarchica, ha lanciato per oltre un’ora pietre, bombe carta e razzi. Le forze dell’ordine hanno risposto con l’idrante e alcuni lacrimogeni ed ora la polizia sta visionando i filmati e le immagini per identificare i responsabili. L’azione, che non ha causato feriti, arriva al termine del primo dei tre giorni di “lotta, musica e balli” voluti dai No Tav per ribadire le ragioni della lotta contro un’opera che definiscono “simbolo di devastazione e stupro della terra valsusina”. Dopo il ritrovo in Localita’ Gravella, dove hanno allestito un campeggio, i manifestanti hanno raggiunto le recinzioni del cantiere lungo i sentieri tra i boschi. Intorno alla mezzanotte, secondo la ricostruzione della Questura di Torino, hanno acceso un fuoco a ridosso del cancello di ingresso, domato con l’uso di un’idrante. Lo stesso utilizzato per allontanare i dimostranti che, questa mattina, hanno affisso uno striscione sul Municipio di Chiomonte per denunciare i Comuni che hanno accettato i soldi delle compensazioni.

“Non possono proporci fondi per opere ordinarie, quindi che ci spettano di diritto – sostengono i No Tav -. Le compensazioni sono una forma di ricatto sulla vita dei piccoli comuni: in un momento di pandemia mondiale, i fondi per la sanita’ e per la messa in sicurezza dei territori devono essere destinati di diritto dove proprio a Chiomonte, lo scorso giugno, chiudevano l’ambulatorio”. Conferma la visita al cantiere della Tav Matteo Salvini: “Portero’ il mio saluto e il mio ringraziamento a tutte le forze dell’ordine impegnate in zona”, scrive su Twitter il leader della Lega, che torna dopo due anni a Chiomonte – l’ultima volta c’era stato da ministro dell’Interno nel febbraio 2019 – per ribadire che “l’opera sa da fare”. Sara’ l’occasione per fare il punto sui lavori del tunnel ferroviario piu’ lungo del mondo. Ben 57,5 chilometri tra Italia e Francia che secondo Telt, la societa’ italo-francese incaricata di costruire e poi di gestire l’infrastruttura, eliminera’ dalle strade alpine un milione di tir, riducendo le emissioni di gas serra di circa 3 milioni di tonnellate di CO2 all’anno e i tempi di viaggio per Parigi: appena 4 ore e mezza da Milano, anziche’ 7, circa 4 ore da Torino, anziche’ 5 mezza. 

Servizio Precedente

Torna Ricciardi: contro varianti non basta vaccino, servono precauzioni

Prossimo Servizio

Stato e Vaticano. L’Italia è legittimamente laica, ma i laicisti sono pericolosi intolleranti?

Ultime notizie su Piemonte