Il Siulp Brescia con Rizzi, Lista Moratti: Noi appoggiamo con chi, come lei, è attento ai problemi della Polizia

5 Febbraio 2023
Lettura 1 min

Una nota stampa del sindacato di Polizia Siulp della provincia di Brescia firmata dal segretario Rosario Morelli racconta l’incontro con Monica Rizzi, candidata nella Lista Moratti alle prossime regionali nella terra della Leonessa.

Le questioni sul tavolo sono queste, senza mezzi giri di parole: alloggi, asili nido, ufficio immigrazione a rischio copertura di organico, in un capoluogo che, spiega Morelli, conta 130mila immigrati regolari sul territorio. La terza città italiana in assoluto.

Nell’incontro con Rizzi, il Siulp ha rappresentato dati impressionanti: carenza di organico nella Polizia Stradale, nella Polizia Postale e Comunicazioni. Due perni fondamentali per un territorio ad altissima intensità urbana e industriale e per l’intensa vita informatica di una provincia complessa e connessa.

Il Siulp ha sottolineato l’attenzione che esponente della Lista Moratti ha manifestato e ha dichiarato di appoggiare tutti quei candidati che come Rizzi dimostrano interesse verso i problemi della categoria e i problemi delle forze dell’ordine, per migliorarne le condizioni di lavoro, per la sicurezza dei cittadini.

“Ringrazio il Siulp per la fiducia che ha dimostrato verso l’impegno che ho assunto – commenta Rizzi -davanti a lavoratori che hanno necessità di essere ascoltati e rispettati da chi vuole amministrare casa nostra. Senza sicurezza e senza condizioni ottimali, dignitose, civili, non si può costruire un tessuto sociale sano”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Autonomia, i nodi vengono al pettine. Il residuo fiscale che scatena il Nord

Prossimo Servizio

Attacco hacker in Italia e nel mondo, vertice a Palazzo Chigi. Tim in down

Ultime notizie su Elezioni Regionali

Monta il caso Trux

“La scritta Trux con il pennarello è stata una goliardata dopo la sospensione da Sky dell’ex calciatore Di Canio che si era tatuato Dux. Per sdrammatizzare. E dimostrare che è un dibattito
TornaSu

Don't Miss