Grimoldi: “Noi restiamo in Lega”. E Bossi: “Salvini annulli provvedimento contro i tre consiglieri fuoriusciti”. Terremoto al Pirellone rischia di non finire qui

Lettura 1 min

In Lombardia “dieci giorni fa il consigliere Senna è passato con Moratti-Calenda. Oggi i consiglieri Mura, Formenti e Lena annunciano un gruppo. Non va bene, serve unità, e il Comitato Nord è nato con la finalità di fermare questa dispersione. Noi siamo della Lega, punto”. Così l’europarlamentare Angelo Ciocca e l’ex segretario lombardo della Lega Paolo Grimoldi, entrambi coordinatori del Comitato Nord fondato da Umberto BOSSI.
“Questo malessere – aggiungono – ha dei responsabili ed il rischio, continuando a non comprendere e a non affrontare le questioni, è di andare avanti in questo stillicidio”. “Non passa giorno – proseguono ancora – che non si perdano militanti, consiglieri comunali e segretari locali”. Secondo Ciocca e Grimoldi “il territorio, i militanti, i sindaci e gli eletti hanno bisogno, almeno in Lombardia, di una gestione chiara, presente e di risposte politiche – concludono – invece che giocare a nascondino”.

‘Negli ultimi giorni abbiamo recuperato molte persone che si erano allontanate dalla Nostra Lega, e ci
impegneremo nel continuare su questa strada. Chiederò a Salvini l’annullamento del provvedimento disciplinare per i tre consiglieri, perché la Lega ha bisogno di unità”. E’ quanto fa sapere all’Adnkronos Umberto BOSSI, dopo la vicenda che ha visto la fuoriuscita dal gruppo leghista del consiglio regionale lombardo di tre consiglier: Roberto Mura, Federico Lena ed Antonello Formenti. Gli scissionisti hanno voltato le spalle a Salvini, come già fatto due settimane da un altro consigliere del gruppo, Gianmarco Senna (passato con il Terzo Polo), scatenando la reazione di Via Bellerio che ne ha decretato l’immediata espulsione dal partito.

Un terremoto al Pirellone, dove non si fermano le voci di possibili nuovi addii a Salvini.
In mattinata l’AdnKronos aveva anticipato la notizia che i tre consiglieri che avevano formalizzato – via mail certificata al consiglio regionale lombardo – la decisione di abbandonare “il gruppo Lega Salvini Premier e costituire un nuovo gruppo regionale”. Nelle motivazioni i tre ormai ex appartenenti al gruppo di Salvini hanno parlato di una scelta che prende atto dei “malesseri interni”, puntando il dito contro la mancanza di ascolto “delle innumerevoli criticità territoriali e l’abbandono totale delle tematiche
autonomiste nordiste”.

Ora l’intervento in difesa dei consiglieri di BOSSI che ha lanciato lo scorso primo ottobre la sua corrente nella Lega, proprio con l’obiettivo di una ripresa delle battaglie storiche del Carroccio, a partire dall’autonomismo e dalle istanze del settentrione. I due vice di BOSSI nel Comitato, Angelo Ciocca e Paolo Grimoldi, sottolineano come l’obiettivo della corrente nordista sia quello “di fermare questa
dispersione”. Noi siamo della Lega, punto”.

Servizio Precedente

Lega, la resa dei conti. Ma dove pensavano di arrivare passando per i 1500 di CasaPound in piazza con Salvini? Già dimenticato?

Prossimo Servizio

POLITICA E SALAMI – Via i libri e i teatri, avanti i carnevali e girandole

Ultime notizie su Elezioni Regionali