Gigi Cabrino: Un voto non per destra o sinistra ma per i territori e i piccoli Comuni nella Lista Libertà per le regionali in Piemonte

26 Maggio 2024
Lettura 2 min

Elezioni regionali, anche il nostro collaboratore, Gigi Cabrino, si mette in gioco e lo fa con la lista Libertà. di Cateno De Luca alle regionali in Piemonte.

“Dopo i due mandati amministrativi – ci scrive – come consigliere comunale a Villanova Monferrato, il mio paese d’origine in cui sono stato eletto nel 1999 e nel 2004 e dopo gli ultimi cinque anni come consigliere comunale a San Giorgio Monferrato, il paese in cui vivo con la mia famiglia, Grande Nord ha proposto la mia candidatura al consiglio regionale del Piemonte nelle liste della coalizione del Fronte della Libertà a sostegno della candidatura a presidente di Alberto Costanzo”.

“Mi impegnerò per portare in Regione la voce dei territori, in particolare dei piccoli comuni della nostra provincia. Con i nostri alleati ci batteremo per una sanità a disposizione di tutti in tempi ragionevoli, come vuole la nostra Costituzione; una sanità in cui curarsi non sia un lusso a pagamento, una sanità in cui ti curi se ti ammali, non se sei abbastanza ricco; ospedali a disposizione dei cittadini e non (s)venduti a privati.

Mi impegnerò – prosegue – come ho fatto in molte occasioni negli anni di consiglio comunale, affinchè i servizi essenziali e i beni comuni (acqua in primis) siano gestiti dai territori e non vengano ceduti a grandi gruppi finanziari internazionali interessati solo a guadagnare sui nostri acquedotti. Le politiche agricole del Piemonte dovranno essere programmate con gli agricoltori e con le loro associazioni; programmazione, non devono essere solo slogan.

La rete scolastica, in via di razionalizzazione per le scelte governative, dovrà essere organizzata tenendo conto delle realtà dei piccoli comuni e non solo dei freddi numeri.

Il sistema di formazione professionale dovrà coinvolgere sempre più nella programmazione le imprese e le associazioni di categoria; dovremo superare il paradosso di tanti giovani disoccupati e imprese che non riescono a trovare profili professionali specializzati”.

Poi, nella lunga nota, un riferimento ad un tema cruciale per la politica, che divide destra e sinistra.

“La vera autonomia non è quella venduta a suon di slogan vuoti ma quella che permette ai comuni –a tutti i comuni – di poter gestire ed investire le proprie risorse; per questo la Regione dovrà dare un supporto forte ai comuni, in particolare a quelli più piccoli, per portare a termine i progetti finanziati dal PNRR; il più grande piano di finanziamenti europei di sempre per molti progetti è allo stallo, il governo ha deciso direttamente di definanziare 16 miliardi e sono annunciati tagli ai progetti sulla sanità territoriale; non possiamo permetterci di perdere un solo euro e la Regione dovrà sostenere i comuni nella realizzazione di questi progetti”.

Per il welfare, “Mi batterò per le nostre famiglie, i nostri anziani ed i nostri giovani, affinchè si realizzi un vero patto tra generazioni e istituzioni; famiglie con istituzioni al loro fianco per un Piemonte in cui sentirsi veramente a casa; i nostri paesi devono tornare ad essere luoghi in cui i giovani possono decidere di vivere e costruire il loro futuro”.

Cabrino chiude così: “Non un voto per la destra o la sinistra ma un voto per i nostri paesi e per le nostre città; un voto per il Piemonte”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Con i soldi del Superbonus si potevano costruire 1,2 milioni di case pubbliche.

Prossimo Servizio

Europee – Dopo 24 anni un presidente francese a Berlino. L’asse franco-tedesco si rafforza su debito e presidenza Ue

Ultime notizie su Elezioni Regionali

TornaSu