Sondaggi, Mannheimer: Pd-FdI-Lega alla resa dei conti

Lettura 1 min

 “Io ho visto il sondaggio e so per esperienza che Ipsos dà dei dati attendibili. Ma bisogna stare attenti all’interpretazione di questi dati. C’è da osservare, e i sondaggisti lo sanno bene, che c’è sempre nei sondaggi un margine di errore statistico che dipende dall’ampiezza del campione. Questo margine varia e nel caso di Ipsos, su un campione di 1000, il margine di errore è 1-2%. Questo significa che i dati pubblicati sono accurati ma sono comunque stime. Quindi dire che il Partito democratico con 20,8 è davanti a Fratelli d’Italia con 20,5 non ha senso perché la differenza è troppo piccola”. Lo dice all’Adnkronos Renato Mannheimer, sondaggista e sociologo, in merito al sondaggio Ipsos pubblicato oggi sul ‘Corriere della sera’ che posiziona il Pd al comando con il 20,8% ed evidenzia il trend in crescita di Fdi, che con il 20,5% supera la Lega con il 20,1%. “La verità – conclude – è che statisticamente Fratelli d’Italia, Partito democratico e Lega sono uguali. È una bella gara, molto interessante dal mio punto di vista. Sono tutti e tre allo stesso livello e questa gara io la trovo molto interessante”. 

Photo by Phil Scroggs 

Servizio Precedente

Fratelli d'Italia, Lollobrigida: Non rinunciamo alla nostra coerenza, Lega e Berlusconi si federino senza di noi

Prossimo Servizio

Salvini non è primo e attacca sondaggio Ipsos del Corriere. La Lega lo fece anche alle Regionali in Campania. Ma aveva ragione Pagnoncelli

Ultime notizie su Opinioni