Mafia, concorso esterno. Se Mantovano frena Nordio

14 Luglio 2023
Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Rivedere il reato di concorso esterno in associazione mafiosa? “Io affronterei i problemi determinati dalla giurisprudenza dell’oggi” ha precisato il sottosegretario alla Presidenza del consiglio Alfredo Mantovano e “andrei, invece, nella direzione di rendere sempre più chiara e incontrovertibile la materia del contrasto alla criminalità mafiosa. Eviterei, insomma, di aprire altri discorsi”.

Se il ministro Nordio, come già scritto su questo giornale intende mettere mano al reato fumoso del concorso esterno in associazione mafiosa – che rende perseguibile a discrezione della procura chiunque vada a prendere il caffè nel bar ” sbagliato” – il sottosegretario Mantovano tira il freno a mano.
Meglio non innervosire troppo la magistratura.
E se si pensa che per la riforma costituzionale sulla separazione delle carriere si parla di tempi lunghi fare “2+2” è molto semplice. Il “4” è che sul terreno minato della giustizia il governo non intende mettere piede.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

SALARIO MINIMO IN EUROPA: 1,63 EURO IN BULGARIA, MASSIMO 11,97 EURO IN LUSSEMBURGO

Prossimo Servizio

Dopo il ponte, la Zes. La Ue riconosce la macroregione speciale del Sud. Lega esulta

Ultime notizie su Opinioni

TornaSu

Don't Miss