L’etica del pandoro e quella dello Stato, che non ti spiega come risolvere il debito pubblico

21 Dicembre 2023
Lettura 1 min

di Giuseppe Longhin – Si sa, la comunicazione in Italia è a compartimenti stagni. Un animale morde un bambino? Per 10 giorni notizie di animali che mordono bambini. Brucia una casa per una cattiva manutenzione alla caldaia? Per 10 giorni notizie su case bruciate. Uccidono una ragazza? Per 10 giorni notizie di ragazze uccise. L’undicesimo giorno i bambini continueranno ad essere morsicati, le case continueranno a bruciare e le ragazze continueranno ad essere uccise, ma a noi non interessa più e il compartimento si chiude. Finito l’interesse va da sé che finirà anche il problema e la ricerca alla soluzione dello stesso e il fatto di non sentirne parlare ci convince che la cosa non ci sia più.

A occupare questi 10 giorni è il caso Ferragni-pandoro-beneficenza. Non è intenzione del sottoscritto dare pareri, se non la replica del precedente paragrafo: l’undicesimo giorno i pandori si venderanno ancora, gli influencer continueranno a percepire compensi stellari e la beneficenza andrà avanti come prima. Questa in fondo è una storia natalizia. C’è la regina “cattiva”, il dolce magico, i bambini che soffrono ma che riceveranno, nel più classico del “…e vissero felici e contenti…”, un milione di euro anche se nessuno di noi, dopo il decimo giorno, vorrà sapere cosa sia successo anche nei giorni dopo.

Mi sono chiesto allora qual è la notizia di cui non si parla mai, quella che non merita nemmeno uno dei 10 giorni di ridondanza mediatica o social. Quella che pur fondamentale per la nostra vita, presente e soprattutto futura, viene nascosta, celata, occultata, magari anche volontariamente, a tutti noi.

Mi sono risposto: la gestione del nostro denaro e di conseguenza il debito pubblico.

A quanto ammonta? 2841 miliardi a fine agosto.

Quanto è cresciuto?
+88 miliardi negli ultimi 12 mesi.

Vale a dire:
+241 milioni al giorno

  • 10 milioni ogni ora
  • 167 mila euro ogni minuto.

Ogni euro che lo Stato incassa ne sperpera 1,44 e… non vi chiederà mai scusa nemmeno indossando un maglioncino dal colore dimesso. O no?

credit foto artboard-studio-B40ztSGQTZY-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

A proposito di “Mille campanili, venti Regioni, una Nazione” sul tavolo di Atreju

Prossimo Servizio

Coldiretti: Finisce l’autunno più caldo di sempre

Ultime notizie su Opinioni

L’UCRAINA HA PRESO IL POSTO DELL’ITALIA

di Luigi Basso – La fine dell’Italia è sotto gli occhi di tutti. Ogni pezzo importante dell’apparato produttivo è stato venduto o dismesso. Manifattura, automobili, alimentare, agricoltura, distribuzione e commercio, reti infrastrutturali,
TornaSu