Le polentoniche regioni rapinate

Lettura 2 min

di RICCARDO POZZI – Che cosa c’entra la solidarietà con la giustizia fiscale? Sono forse complementari o antitetiche, sono magari dimensionalmente adatte a misurare la nostra democrazia?
In questi giorni tutti i rappresentanti eletti nelle circoscrizioni del centro-sud, a qualunque colorazione o schieramento appartengano, si sono scagliati tutti contro l’autonomia differenziata chiesta da Lombardia, Veneto ed Emilia.
E tutte le argomentazioni portano sempre allo stesso scenario politico: la secessione di fatto delle tre regioni.
Eppure la clamorosa frattura tra nord e sud Italia, che esiste già e che tutta Europa ha imparato a conoscere, si è prodotta con questo centralismo solidaristico.
E’ stata questa solidarietà a produrre regioni con il triplo di invalidi, che ha decuplicato i forestali, che fa pagare il materiale sanitario quattro volte la media nazionale, che distribuisce 110 e lode e maturità col massimo dei voti e poi esibisce pessime figure sull’INVALSI (naturalmente iniquo e contro il sud), che ha generato acquedotti che perdono più acqua di quella che portano e discariche di indifferenziato visibili dal satellite.
E’ questo solidarismo finto, ipocrita e cialtrone a chiamare i residui fiscali “sovragettito” come il capo dei cinquestelle, è questa solidarietà interregionale a rendere i vergognosi costi storici della sanità del sud come intoccabili, mentre la gente è costretta a spostarsi al nord per curarsi un cancro o operarsi al cuore.
E così mentre nelle tre regioni che trainano l’intera penisola si sbriciolano i ponti e le infrastrutture mostrano tutta la loro obsolescenza, il sistema perequativo interregionale, impropriamente aggettivato come solidaristico, continua a reclamare il suo bottino sul “sacco del nord”, per poter continuare a finanziare l’ormai storico votoscambismo che, localmente, se ne frega delle sigle e del loghi di partito e sa esattamente dove deve andare, alla faccia di ipocrisie contabili come “spreco” e “inefficienza”.
“Rischiamo di spaccare la nazione”, tuonano con esemplare viltà politica esponenti che fino a ieri indicavano nella spesa regionale fuori controllo il vero male del paese.
Se i produttori dei consistenti residui fiscali annualmente rapinati dallo stato fossero Campania, Sicilia, Puglia e Calabria vedremmo una linea di carri armati subito dopo il Grande Raccordo Anulare diramazione sud, e guai a chi osasse avvicinarsi alle preziose risorse prodotte dal sud e che al sud appartengono.
Ma siccome i 121 miliardi l’anno, che servono a pagare posti di lavoro, inutili economicamente ma fondamentali elettoralmente, vengono prodotti in queste regioni che hanno le spalle di un lottatore e le palle di un canarino, ecco che Roma tuona a chi osa appropriarsene. Quei soldi servono a loro.
Ma ciò che lascia di stucco è che, nelle polentoniche regioni rapinate, i rappresentanti eletti delle circoscrizioni di ogni variegato colore politico non sono mai d’accordo tra loro e, anzi, convengono spesso sulla necessità di non mettere a repentaglio l’unità nazionale con avventatezze amministrative che potrebbero essere pericolose.
Questa, e niente altro, è la vera differenza tra nord e sud d’Italia.
Il resto è sapiente intrattenimento.

Servizio Precedente

Putin prepara un ospedale da campo in Bielorussia. Gli Usa inviano forze ai paesi Baltici

Prossimo Servizio

L’Onu ci avverte che finiremo tutti all’inferno. Incendi aumenteranno del 50%

Ultime notizie su Opinioni