Italia 2022, terra di pazzi: soldi ai politici e mazzate nei denti ai lavoratori

Lettura 2 min

di Luigi Basso – Babbo Natale quest’anno ha portato alla casta dei politici un bel sacco di doni e regali, ovvero un ricco aumento delle indennità (non si chiamano stipendi, non è fine).
La Befana porterà, invece, ai lavoratori di molte aziende solo carbone amaro, sotto forma di lettere di licenziamento (vedere da ultimo i licenziamenti di Air Italy).
La Legge di Bilancio appena varata ha stabilito ai commi 583 e seguenti che a partire da quest’anno, partirà un sistema a gradoni di aumenti delle indennità di sindaci, assessori e presidenti del Consiglio Comunale, che a regime (nel 2024) porterà all’aumento del 100 per cento dello stipendio per i sindaci metropolitani, dell’80 per cento per i sindaci dei comuni capoluogo di regione e per i sindaci dei comuni capoluogo di provincia con popolazione superiore a 100.000 abitanti, del 70 per cento per i sindaci dei comuni capoluogo di provincia con popolazione fino a 100.000 abitanti e così via fino ai Sindaci e Assessori dei comuni piccolissimi.
Nessuno è stato escluso dalla greppia.


Lo Stato concorrera’ alla spesa mettendo 100 milioni di euro per l’anno 2022, 150 milioni di euro per l’anno 2023 e 220 milioni di euro nel 2024. Il resto lo metteranno i Comuni.
A spanne si tratta di almeno un miliardo di euro che finirà nelle tasche dei politici, oltre a quello che già incassano a vario titolo.
Dopo aver diminuito il numero di parlamentari e ridotto i vitalizi, ciò che è stato tolto con la destra viene ridato alla Casta con la sinistra.
I soliti giochini e mezzucci utilizzati da sempre. Ma questa volta il momento è drammatico. Non ci sono più le vacche grasse.

In un momento come questo, con le bollette che sono aumentate del 50% e con le aziende che chiudono e licenziano a tappeto, effettuare una spesa di questo tipo significa solo che Governo e Parlamento sono scollegati dalla gente e che non rappresentano più nulla, al di fuori di una casta di nominati, spesso falliti nella vita.
Il finale è già scritto, come la Storia insegna da sempre.

Servizio Precedente

Gli animali hanno un'anima. La scimpanzè Mama più umana di noi

Prossimo Servizio

L'Araldo del Piemonte e Valle d'Aosta. 96 pagine di identità

Ultime notizie su Opinioni