Istat. Più della metà degli italiani vede nero

Lettura 3 min

 Piu’ di 3 cittadini su 4 hanno scelto parole di significato positivo per descrivere il clima familiare durante la seconda ondata epidemica, solo l’8,4% ha scelto termini di accezione negativa. Lo rileva Istat sulla base di un’indagine condotta durante la seconda ondata epidemica (tra dicembre 2020 e gennaio 2021) per studiare i comportamenti e le opinioni dei cittadini a quasi un anno di distanza dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Piu’ di un quinto della popolazione (22,2%) ha avuto difficolta’ nel far fronte ai propri impegni economici (pagare mutuo, bollette, affitto, spese per i pasti, etc.), il 50,5% ritiene che la situazione economica del Paese peggiorera’. Il 56,8% ha ridotto gli incontri con i familiari non conviventi; il 61,4% con gli amici; il 20,5% dei cittadini ha visto peggiorare le proprie condizioni economiche e l’83,6% puo’ contare sull’aiuto di familiari non conviventi in caso di necessita’, l’81,9% sugli amici.

Le spese della vita familiare o relative al lavoro non sono state un problema per l’88% delle persone, il 12% degli intervistati ha dovuto fronteggiare criticita’ tali da ricorrere ad aiuti (prestiti, sussidi pubblici o altro) o alla vendita di beni. Emergono differenze in base a eta’ e territorio: ad avere richiesto aiuti pubblici e’ il 15,5% dei 25-34enni, a fronte dello 0,5% degli over-75; la percentuale e’ piu’ elevata nel Mezzogiorno (12,8% contro 4,1% del Nord). Tra gli occupati sono quelli del Commercio ad avere avuto piu’ bisogno (21,8%). Hanno fruito di aiuti oltre 6 milioni di persone. La percentuale e’ del 17,3% tra le famiglie di almeno 3 componenti, al 6,7% tra i single, al 10,3% per le famiglie di due componenti; avere un titolo di studio elevato ha rappresentato un fattore protettivo. Il 13,4% degli intervistati ha avuto problemi con le bollette, il 16,5% ha rinunciato alle vacanze, il 13,9% non e’ riuscito a fare fronte a una spesa imprevista, il 6,3% non e’ riuscito a pagare le rate di un mutuo o prestito, il 6,7% l’affitto: 11 milioni di persone (22,2%), di cui oltre tre milioni hanno incontrato problemi nell’affrontare le spese alimentari. La quota di chi ha avuto questi problemi cala dopo i 55 anni: dal 28,5% dei 35-54enni al 14,6% degli over-75. Al Sud il 30,7%, il 18,4% al Nord e 17% nel Centro. La sospensione di alcuni settori lavorativi contribuisce a spiegare le differenze: dichiara un peggioramento economico il 42% nel Commercio, il 31,3% in Agricoltura e 26,2% Industria, il 6% in Istruzione e Sanita’. La gran parte dei cittadini (76,5%) non prevede cambiamenti della situazione economica del nucleo familiare a tre mesi. Gli occupati che hanno visto peggiorare la propria condizione economica sono piu’ pessimisti (26,1% nel Commercio, 4,8% nella Sanita’ e 2,8% nella Pa). I piu’ preoccupati dell’evoluzione della situazione economica nel Paese sono i lavoratori della Sanita’: il 71,5% prevede un peggioramento. 

Photo by Boxed Water Is Better 

Servizio Precedente

Sei persone su dieci frequentano meno gli amici

Prossimo Servizio

Più di 15 italiani su 100 non vogliono il vaccino

Ultime notizie su Opinioni