Il vaccino e il passaporto sanitario secondo il deputato Faraone

Lettura 2 min

di Luigi Basso – Sembra che il deputato Davide Faraone, fan di Renzi e ovviamente di Italia Viva, fa abbia messo il seguente post sul suo profilo Facebook:

Bene, la soluzione si chiama Passaporto sanitario integrato al vaccino anti-Covid. Chi non potrà esibire il documento non dovrà essere autorizzato a:- fruire dei mezzi di trasporto (bus-treni-navi-aerei);- accedere ai pubblici esercizi (bar-ristoranti-discoteche-negozi);- accedere all’interno di teatri, musei, stadi e centri commerciali;- Frequentare luoghi pubblici con rilevante presenza di soggetti a rischio come scuole e ospedali;

Al di là degli aspetti legali e costituzionali della faccenda, che ormai non interessano più a nessuno dato che la Repubblica Italiana è sostanzialmente morta (stile il Prode Anselmo) e vedremo cosa la sostituirà, la cosa che più preoccupa è il modo di ragionare di Faraone che lascia di stucco.

Infatti, coloro che saranno vaccinati col vaccino super sicuro propagandato dai vari Faraone non avranno mai problemi a entrare in contatto con i non vaccinati.

Sarebbe il vaccino a proteggere i vaccinati e non le misure di apartheid sociale.

Dunque a che servirebbe proibire l’ingresso in un bar o di salire su un bus a un non vaccinato, a proteggere i vaccinati da cosa, santo cielo?

A ben vedere, dunque, sembra che la strampalata e dissennata proposta di Faraone abbia altri obiettivi.

Questa mania vaccinatoria e segregazionista inizia francamente a essere curiosa.
Che ne dice Renzi? Tace e quindi acconsente?

Immagine tratta dalla pagina fb di Davide Faraone

Servizio Precedente

LE VERE ZONE D'ITALIA. Sanità: 25% spese Regioni non dà servizi. Sud maglia nera. Per questo togliamo autonomia anche al Nord?

Prossimo Servizio

Il Censis: per Covid 600mila poveri in più. 5 milioni in difficoltà per i pasti

Ultime notizie su Opinioni