Conte, stop adempimenti per Lampedusa. E per il Veneto flagellato no, presidente?

Lettura 1 min

di Cassandra – Dice il presidente del Consiglio: “Lampedusa merita misure economiche di favore, con specifico riguardo a sospensione di adempimenti e versamenti, anche arretrati. La sofferenza economica, e non solo, merita una risposta forte dello Stato”. Il premier lo ha spiegato, a quanto si apprende, nell’incontro con il governatore Nello Musumeci e il sindaco Toto’ Martello a Palazzo Chigi.

Niente da dire, signor presidente. Ma per il Veneto flagellato per una settimana da un tifone, da più nubifragi, da allagamenti, frane, per fabbriche, capannoni scoperchiati, campi e coltivazioni distrutti, proprio non una parola? I veneti aspettano ancora la dichiarazione dello stato d’emergenza. Cosa deve succedere ancora perché il Nordest sia degnato di attenzione?

Servizio Precedente

3 settembre 1982, Dalla Chiesa ucciso dalla mafia

Prossimo Servizio

Elezioni e vaccino. Autorità Usa, pronti in novembre per prime dosi

Ultime notizie su Opinioni