Caro 25 aprile, liberaci dall’ignoranza che comanda

Lettura 1 min

di Stefania Piazzo – Per il 25 aprile esprimo solo un desiderio. Essere liberati dall’ignoranza. È causa di molti mali. A partire dalla politica piena di incompetenti, con le conseguenze che sappiamo. È causa di ingiustizie nella giustizia, sul lavoro, nella scuola e persino nella Chiesa.

È causa di morte, di arroganza, di prepotenza, di sopraffazione. Di mortificazione, di umiliazione. Di informazione ottusa e uniforme.

È causa di dipendenza, di libertà negata, economica, morale, materiale, etica.

L’ignoranza è il nemico da cui difenderci. Non è più questione di antifascismo e celebrazioni che ricordano come la storia oggi rutti bulli dal linguaggio e dai modi violenti nella verbalita’ e nei fatti. La dittatura del non sapere e del comandare è davanti ai nostri occhi. Non basta resistere, occorre disubbidire.

Servizio Precedente

Oggi l'Insubria Festival Virtual

Prossimo Servizio

#NOCOPRIFUOCO, la Lega raccoglie le firme contro la decisione del governo. Di cui fa parte

Ultime notizie su Opinioni