Autonomisti disuniti alla meta, non siate candidati a sparire. Appello per una convention

21 Dicembre 2022
Lettura 1 min

di Roberto Gremmo – Vogliamo un dibattito pubblico degli autonomisti Lombardi, perché se vanno divisi  si candidano all’irrilevanza e poi a sparire.

Abbiamo, per nostra fortuna, la trasmissione trisettimanale di Bernardelli su Antenna tre: chiediamo una tavola rotonda con un confronto pubblico fra persone che dicono di volere difendere il Nord e che non possono non capire che se vanno ognuno per conto suo non caveranno un ragno dal buco.

Faccio un appello, innanzi tutto, ai coraggiosi del Comitato Nord, che farebbero solo una figuraccia (senza prendere voti, purtroppo) diventando la stampella (o l’alibi identitario) dei partiti nazionalisti.

Chiedo un confronto pubblico con gli amici che hanno deciso di appoggiare la dottoressa Moratti, sperando non si perdano in un’umiliante ricerca di candidature personali, destinate al sicuro insuccesso in una lista dove non mancano personalità di prestigio, in grado di battere tutti con le preferenze.

Vogliono rischiare di schiantarsi ?

“Grande Nord”, forza politica indipendente, è in quota autonomisti nella Lista Moratti. Gli altri?

Abbiamo il diritto di vederli tutti in faccia, parlando con la stessa franchezza che avevamo apprezzato al convegno di Biassono.

Ma ci devono essere anche i generosi di Bevilacqua, Zanello che non può affondare con il suo pirotecnico leader e Pagliarini. Leoni.

Devono e possono essere trovare un punto d’incontro.

Ma davanti a tutti. 

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Il price cap non fermerà le fiammate del prezzo del gas

Prossimo Servizio

L’Ohio di Salvini e il Comitato Nord. Fatalmente ore decisive….

Ultime notizie su Opinioni

AUTONOMIA DIFFERENZIATA,  COMMEDIA E TRAGEDIA

di Raffaele Piccoli – Se non fosse  una quasi tragedia, l’autonomia differenziata sarebbe  una barzelletta, ma una barzelletta che non fa neppure ridere. Si è parlato sin troppo circa quanto accaduto alla
TornaSu

Don't Miss