Autonomia. Acqua alta in Forza Italia

Lettura 2 min

di Cassandra – Caro Vladimir…. caro Silvio… Lascia esterrefatti la versione di Berlusconi sulla guerra in Ucraina . Il pensiero di Berlusconi non è ignoto in materia ma è proprio la non comprensione dei tempi per esternare che lascia anche interdetti. Forza Italia fa da pompiere e c’è chi dice che sono parole da contestualizzare. Sarà pure così ma questo dà il senso di cosa la politica chiamata a governarci.

Oggi, 22 ottobre, a 5 anni dal referendum, parliamo dell’ex cavaliere e delle sue opinioni in materia, dato che aveva tentato di prendere in mano la questione dell’autonomia già tempo fa. Alla vigilia del referendum, il 18 ottobre 2017 Berlusconi aveva infatti affermato, scendendo in campo al fianco di Roberto Maroni; “Vogliamo proporlo per tutte le regioni italiane: dobbiamo spostare la competenza di undici materie dal centro alla sede giusta, quella regionale”. E poi? Poi niente.

Poi, in visita in stivaloni di gomma a Venezia, nel 2019, l’ex cav tornava sul tema, con qualche aggiustamento:  “La Lega è passata dall’urlare ‘secessione’, al federalismo e adesso tutti i governi che si sono succeduti non hanno prestato attenzione a quello che le regioni del nord chiedono come autonomia”. E aggiungeva:
“I presidenti di regioni del Nord insistono dicendo che questa richiesta di autonomia è qualcosa che va a favore anche delle regioni del Sud – ha continuato – e io avendo discusso con loro sui poteri che verrebbero dati alle regioni del sud e su tante altre indicazioni sono convinto che sia da concedere l’ autonomia per tutte le regioni italiane”.

Possiamo solo dire, acqua alta in casa di Forza Italia.

Servizio Precedente

Il governo di Giorgia Meloni. La prima donna premier nella storia d'Italia

Prossimo Servizio

Il primo pensiero di Salvini: Ponte sul Stretto

Ultime notizie su Opinioni