Vaccini, accordo per produzione Sputnik in Brianza, prima in Europa

Lettura 3 min

“Firmato il primo accordo in Europa tra il fondo governativo russo e la società Adienne Pharma&Biotech per la produzione in Italia del vaccino Sputnik V”. È quanto si legge sul sito della Camera di commercio italo-russa.Le trattative iniziate alcuni mesi fa, grazie al supporto della Camera di commercio italo-russa, permetteranno la delocalizzazione e produzione del vaccino Sputnik V in Europa. 

“Questa partnership arriva dopo molti mesi di dialogo grazie anche al prezioso supporto dell’Ambasciata italiana a Mosca. Da sempre la Ccir promuove il Made with Italy, in questo caso essendo noi una camera di commercio mista, promuoviamo il Made with Russia – sottolinea -. Sono certo che questa collaborazione permetterà nuovi investimenti nel settore farmaceutico in Italia con ricadute positive in termini occupazionali a beneficio dell’intero indotto. In questo momento la creazione di un vaccino sicuro e disponibile per tutti è fondamentale per far uscire, da questa situazione di instabilità per la salute pubblica, le imprese e le economie dei nostri paesi. Noi abbiamo fatto una ‘staffetta’ senza casacche o bandiere politiche”, ha concluso il presidente Trani.

Il vaccino Sputnik V nelle scorse settimane ha iniziato il processo di revisione da parte delle autorità europee che permetteranno la somministrazione ai cittadini. 

Negli ultimi mesi del 2020, l’impresa italiana associata Adienne Srl, parte della multinazionale Adienne Pharma&Biotech fondata e presieduta da Antonio Francesco Di Naro, con il supporto della Camera di Commercio italo-russa, ha promosso un accordo strategico per la produzione in loco del vaccino russo anticovid Sputnik V.Nelle scorse ore l’amministratore delegato Kirill Dmitriev del Russian Direct Investment Fund (Rdif) ha confermato di aver raggiunto un accordo con l’azienda Adienne Pharma&Biotech per la produzione dello Sputnik V in Italia, siglando il primo contratto europeo per la produzione locale del vaccino. Le autorità russe stanno lavorando ad oltre 20 progetti di collaborazione in Europa e il vaccino Sputnik V è già stato registrato in oltre 45 nazioni al mondo.Il presidente della Camera di Commercio italo-russa Vincenzo Trani, ha confermato che “le imprese italiane sono strategiche, hanno capacità e competenze uniche nel panorama europeo e sono in grado di affrontare il mercato con flessibilità e rapidità. L’accordo tra Russia e la nostra impresa associata è il primo accordo con un partner europeo. Un accordo storico che mostra lo stato di salute dei rapporti tra i nostri due Paesi e sottolinea come le imprese italiane sanno vedere oltre le polemiche politiche”.

Servizio Precedente

Crisanti: non raccontate favole su 60 milioni di vaccini entro giugno. Londra ha mobilitato tutti, e noi?

Prossimo Servizio

Tokyo, Olimpiadi senza spettatori stranieri

Ultime notizie su Lombardia