Una start-up milanese diagnostica Covid con una radiografia

Lettura 2 min

DeepTrace Technologies sta espandendo la sua presenza in Europa, per poi proporsi ai mercati nordamericani e asiatici. La start-up milanese (spin-off dello IUSS di Pavia) ha sviluppato una tecnologia che opera nel campo dell’intelligenza artificiale combinandola con l’imaging medica per la diagnosi e la prognosi. Per la sua internazionalizzazione ha ricevuto un primo round di investimento per 1,7 milioni di euro da Progress Tech Transfer, un fondo di investimento che sostiene lo sviluppo di tecnologie e proprietà intellettuale degli istituti di ricerca italiani. Fondata nel 2018, DeepTrace Technologies ha sviluppato un sistema di analisi delle immagini radiologiche basato sull’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale che migliora la velocità di screening, la qualità della diagnosi e permette di modulare la terapia più adatta al paziente. La startup ha sviluppato più di 10 modelli predittivi per diverse malattie, tra cui l’Alzheimer, per diverse tipologie di carcinoma e per malattie virali tra cui, da ultimo, il Covid-19 che può essere scoperto con una normale radiografia effettuata dal letto del paziente.

Inoltre l’applicazione degli algoritmi ai test di risonanza magnetica e di valutazione neurologica possono produrre indicazioni affidabili nella misura dell’85% e con due anni di anticipo rispetto alle diagnosi standard. Tale soluzione permette di prevedere il rischio di insorgenza della malattia, la sua evoluzione e l’eventuale scarsa risposta ad una determinata terapia, riducendo così le spese sanitarie conseguenti ed evitando test medici invasivi, trattamenti inefficaci e cure non necessarie.

L’approccio della società, basato sull’analisi dei dati e sulla medicina predittiva personalizzata, consente di fornire dispositivi medici ad alta efficienza, a basso costo e con rischi limitati. Il round di investimento consentirà a DeepTrace Technologies di ottenere anche la certificazione CE dei dispositivi medici proprietari e di ampliare lo spettro di malattie coperte dall’applicazione. Inoltre, una parte delle risorse sarà dedicata al miglioramento del software di analisi al fine di renderlo ancora più completo e personalizzabile, consentendo ai clienti di trarne il maggior vantaggio possibile.

Photo by CDC

Servizio Precedente

Contrordine, paziente zero a novembre. Scoperto a Milano in biopsia pelle

Prossimo Servizio

Veneto, assessore Istruzione Donazzan intona Faccetta nera. Zaia: quantomeno le scuse

Ultime notizie su Lombardia