Rigurgiti romani. Fontana si autoassolve: attacchi a Lombardia? Perché vuole autonomia

Lettura 2 min

Non è uno scherzo. Il presidente Fontana è convinto che la gestione della pandemia sia stata corretta e che gli attacchi e le critiche alla Regione Lombardia siano un rigurgito di centralismo.

Dice infatti che “una delle tante ragioni di questo attacco alla Lombardia nasce dal tentativo che la Lombardia portava avanti di arrivare a una maggiore autonomia”. “Sul fatto che ci siano rigurgiti di grande centralismo – ha aggiunto – penso non ci siano dubbi. Sono convinto che le Regioni hanno lavorato bene insieme, i venti governatori che appartengono a schieramenti differenti hanno sempre lavorato e deciso all’unanimita’, quando abbiamo avuto critiche al governo le abbiamo mosse in maniera trasversale”. “La collaborazione tra Regioni e la voglia di fare e’ stata molto positiva – ha proseguito Fontana – l’unico difetto di questo momento e’ che ci troviamo a meta’ di un guardo, a meta’ di una riforma di cui siamo in attesa di attuazione e sono convinto che si debba andare alla conclusione”. “Cio’ detto – ha aggiunto il governatore lombardo – le Regioni hanno dato dimostrazioni di efficienza, capacita’ e coesione. Se noi abbiamo riaperto la vita nel nostro Paese a fine maggio cio’ e’ dovuto al fatto che le Regioni hanno stabilito delle linee guida. Se noi avessimo rispettato le linee guida Inail non avremmo riaperto rigorosamente niente”. “La collaborazione tra le Regioni c’e’ stata, oggi siamo a meta’ di un guado, di una riforma che non riesce a trovare attuazione, a meta’ e’ sempre un pasticcio, sono convinto che si debba arrivare a una conclusione”, ha concluso Fontana. 

Insomma, nessun caos rsa, vaccini, medicina territoriale, camici… Rigurgiti romani.

Servizio Precedente

Report su Vaticano: investimento su fondo catastrofi e pandemie

Prossimo Servizio

#Ioapro - "Pronti a occupare in 20mila piazza Montecitorio"

Ultime notizie su Lombardia