Rave party no mask a Maleo dove c’è focolaio di variante Delta. Scattano le denunce

Lettura 1 min

Sono stati identificati e denunciati alcuni tra i presunti organizzatori del Rave party no mask che si e’ tenuto fino al pomeriggio a Maleo, nel Lodigiano. La loro posizione e’ al vaglio dell’Autorita’ giudiziaria per le contestazioni del caso. Contemporaneamente, e’ stato anche sequestrato materiale audio.

Alcuni ragazzi hanno spiegato di essere venuti a conoscenza dai media del focolaio Delta in paese e la notizia, unita all’afa lodigiana sui 33 gradi, ha convinto i partecipanti a lasciare la zona prima del previsto. L’area e’ stata abbandonata con molti rifiuti per terra.

Circa 700 persone hanno ballato alla cava Geroletta di Maleo, nel Lodigiano, nel Rave party iniziato stanotte. Al momento non si registrano feriti e dalle forze dell’ordine il Rave viene definito come “tranquillo”.

I partecipanti erano senza mascherine e senza nessun distanziamento. Maleo è il paese del lodigiano dove l’Ats ha certificato la presenza di tre casi di variante delta in un focolaio covid di 10 contagiati in corso. Le persone sono arrivate a gruppi soprattutto dal nord Italia.

Il rave party  si è svolto nella notte, lo hanno riportato i media locali, sottolineando che sul posto carabinieri e polizia shanno monitorando la situazione. Maleo è a poca distanza da Codogno, dove nel febbraio 2020 si registrò il primo caso di Covid in Italia. 

Servizio Precedente

Famiglie preoccupate per il reddito

Prossimo Servizio

Torna Ricciardi: contro varianti non basta vaccino, servono precauzioni

Ultime notizie su Lombardia