Procura Milano: indagini su 5 case di riposo. “Intero sesto dipartimento al lavoro”

Lettura 1 min

La procura di Milano indaga sulle case di riposo e sul numero dei morti tra i ricoverati, a cominciare da uno dei suoi simboli il Pio Albergo Trivulzio. “L’intero sesto dipartimento della procura, competente per la salute pubblica, sta lavorando alle varie segnalazioni: contestiamo reati di diffusione colposa di epidemie e omicidio colposo”, spiega all’Adnkronos il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano.

In piena emergenza coronavirus qualcosa nei protocolli di alcune strutture sembrerebbe non aver funzionato. Le diverse denunce sono sul tavolo del procuratore aggiunto e riguardano, da quanto si apprende, oltre la ‘Baggina’, la casa di riposo don Gnocchi, la casa famiglia ad Affori, la Sacra famiglia di Cesano Boscone e la casa di riposo del Corvetto.

Le indagini si stanno concentrando, attualmente, sulle posizioni documentali. I fascicoli aperti nascono da denunce di parenti, ma anche associazioni e sindacati che avrebbero denunciato alcuni episodi poco chiari.

Servizio Precedente

Ospedale di Cremona, l'abbraccio di infermieri e oss ai pazienti all'alba del 46° giorno

Prossimo Servizio

Raffaello, l'immortale Rinascimento

Ultime notizie su Lombardia