Piste chiuse, Livigno cerca di rifarsi con ciaspole, fondo e bici

Lettura 3 min

Non basta un nuovo decreto a fermare la voglia di ripresa e rinascita del ‘Piccolo Tibet’: la notizia della non riapertura degli impianti lascia dietro di sé una scia di delusione e sogni infranti ma, grazie al duro lavoro svolto durante l’estate e nei mesi autunnali da tutti gli operatori del territorio, la stagione invernale 2020/2021 di Livigno può proseguire con una ricchissima offerta di attività alternative allo sci e allo snowboard in pista e grazie ad alcune misure e policy attivate per agevolare il soggiorno di turisti e visitatori già da alcuni mesi. Questo il messaggio che lancia Apt Livigno, assicurando che, “con la presenza di molti e ampi spazi che garantiscono un naturale distanziamento, Livigno è la meta perfetta per chi, nel rispetto di tutti i protocolli e le norme vigenti, non vuole rinunciare a un soggiorno sulla neve”. Negli ultimi mesi, infatti, Livigno ha potenziato tutte quelle attività che da sempre costituiscono gran parte della sua offerta invernale.

Tra le attività più ‘slow’ ci sono le ciaspole, fat bike, un giro in slitta trainati dai cavalli o insieme ai lama e passeggiate sulla neve battuta del Winter Trail; ma per chi cerca pura adrenalina ci sono anche il parapendio, lo sci alpinismo, l’arrampicata sul ghiaccio e la guida sportiva su ghiaccio; accanto ad attività più classiche e individuali come lo sci di fondo e biathlon, poi, ci sono il pattinaggio sul ghiaccio, il curling, le motoslitte e gli ice kart, per sfide uniche e indimenticabili con amici e familiari. A questo, si aggiunge la recente riapertura della zona dell’Alpe Vago e il conseguente ampliamento delle piste pedonale e da fondo. Per mantenere il distanziamento e organizzare al meglio ogni uscita sulla neve, Livigno ha creato Check&Go, un modo semplice, veloce e intuitivo per scegliere il sentiero migliore e meno frequentato per la propria escursione ancora prima della partenza. All’ingresso dei sentieri più frequentati durante l’inverno sono stati posizionati dei pannelli raffiguranti un QRcode: ad ogni escursionista basta inquadrarlo per effettuare il check-in sul sentiero e fare il resto ci pensano l’App MyLivigno e il sito web ufficiale. Prima ancora di mettersi lo zaino in spalla, infatti, gli escursionisti potranno accedere alla sezione dedicata dell’App o alla pagina dedicata livigno.eu/check-and-go per verificare in qualsiasi momento l’affluenza sui diversi percorsi e scegliere quello con meno affluenza e più adatto per la loro escursione, per godere della neve in piena tranquillità.

Photo by Max Kukurudziak 

Servizio Precedente

Burioni controcorrente: Varianti? Evitare terrore gratuito

Prossimo Servizio

Facebook, braccio di ferro in Australia su condivisione notizie

Ultime notizie su Lombardia