Malore in montagna, muore il bergamasco Francesco Aresi, già scorta di Bossi

Lettura 1 min

Si e’ sentito male ed e’ caduto in un dirupo mentre stava effettuando un’escursione con un amico. E’ morto cosi’ stamattina sui monti di Valbondione Francesco Aresi, 68 anni, a lungo guardia del corpo e factotum di Umberto Bossi. Di Gandino, Aresi era fratello di Lorenzo, presidente della Pro loco. La salma e’ stata recuperata dagli uomini del Soccorso alpino ed e’ stata portata alla Camera del commiato di Gazzaniga. Da qualche giorno Aresi era a Valbondione in camper con la moglie Alice Schaetzl per un periodo di vacanza. Il padre, gia’ partigiano, era morto a 64 anni in montagna sul Pizzo Formico in circostanze analoghe. I funerali saranno celebrati mercoledi’, alle 10, nella Basilica di Gandino. “Ho appena appreso con dolore della scomparsa di un vecchio amico e di un leghista della prima ora – lo ha ricordato il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli -, un leghista vero, Francesco Aresi, storico collaboratore bergamasco di Umberto Bossi insieme al fratello Emiliano: Bossi li chiamava i fratelli Karazamov. Condoglianze alla famiglia Aresi, al fratello Emiliano, a tutti i loro cari: perdo un amico, perdiamo un altro compagno di un lungo viaggio”. 

Servizio Precedente

Mercoledì vertice centrodestra. Salvini: Berlusconi può aspirare a qualsiasi incarico

Prossimo Servizio

MAI MULA' - Quegli auguri profondamente umani e politici di Bossi a Mattarella

Ultime notizie su Lombardia