Dati lombardi, Usuelli: chi li conosce li metta su CovidLeaks.it

Lettura 2 min

“Il 4 giugno 2020 ho presentato in aula l’interrogazione ‘Trasparenza dei dati necessari a calcolare i parametri lombardi di sorveglianza epidemiologica, relativi alla sintomatologia da Covid 19, senza trattamenti di aggregazione o riduzione grafica’. Da allora ho cercato di convincere i miei alleati ed i miei avversari che rendere pubblici questi numeri avrebbe aiutato le persone in difficoltà economiche e diminuito le restrizioni di Libertà personale che abbiamo vissuto in questi mesi. Ho chiesto e richiesto, effettuato un accesso agli atti a Regione, mi sono inginocchiato davanti a chi ha il potere di darli. Nulla è servito. Oggi proseguo la mia battaglia non violenta esortando chiunque abbia i numeri di darli, nel pieno rispetto della legge e con certezza di anonimato a Covidleaks.it”.

Questo l’appello del consigliere regionale Michele Usuelli di +Europa/Radicali e iscritto all’Associazione Luca Coscioni, realtà attiva a livello internazionale a tutela del diritto alla salute e alla scienza -. Usuelli nelle scorse ore ha ricevuto diverse manifestazioni di solidarietà, da fazioni politiche trasversali, per essersi inginocchiato di fronte alla giunta, nell’ennesimo tentativo di chiedere i tanto dibattuti dati aperti e disaggregati, elemento fondamentale per avere una fotografia della pandemia e aiutare a impedire il ripetersi di errori come quello che ha determinato l’errata attribuzione della zona rossa in Lombardia.

CovidLeaks.it è la piattaforma di whistleblowing promossa dall’Associazione Luca Coscioni che invita chiunque ne sia in possesso (personale sanitario, delle istituzioni…) alla condivisione ANONIMA dei dati disaggregati e aperti sulla pandemia tenuti finora nascosti. Questi vengono poi pubblicati online, a disposizione della comunità scientifica, data journalists, ricercatori e chiunque voglia utilizzarli per analisi indipendenti, ad esempio per cercare correlazioni incrociando alcune caratteristiche (come età, sesso, residenza, comorbilità) delle persone con altri fattori demografici e ambientali. Compito al momento impossibile.

Servizio Precedente

Botta e risposta su dati vaccini lombardi. Gimbe: numeri trasmessi da regioni al Commissario e al ministero

Prossimo Servizio

De Luca: avanti così finiamo di fare vaccini nel 2022

Ultime notizie su Lombardia