Dai piccoli Comuni Autonomia e Federalismo tornano al centro del dibattito politico. Il caso Cuggiono e Busto Garolfo

Lettura 1 min

di Gianfranco Ronchi – Anche a Busto Garolfo, Città Metropolitana di Milano, dopo Cuggiono, viene approvata la mozione, questa volta addirittura all’unanimità, su una maggiore Autonomia della Regione Lombardia.

Il Consigliere Daniele Donadoni (GN) il 31 maggio ha presentato al proprio Consiglio comunale la mozione, per uscire da una situazione di stallo e accelerare il passo, in merito al referendum votato favorevolmente dai lombardi il lontano 22 ottobre 2017. Il tema ha suscitato interesse e una attenta discussione nell’intera assemblea portando, dopo l’accoglimento da parte del proponente di alcuni emendamenti, al voto unanime del Consiglio comunale di Busto Garolfo. Ora il Sindaco dovrà impegnarsi a inoltrare la mozione a Regione Lombardia, chiedere un riscontro entro il 31 ottobre 2022 e riferire in Consiglio comunale in merito alle risposte ricevute.

L’augurio è che dopo Cuggiono e Busto Garolfo, altri comuni dell’altomilanese possano unirsi fornendo quella necessaria pressione utile a giungere finalmente alla formulazione, da parte del Governo, di una seria controproposta, attesa dai comuni e dai cittadini lombardi ormai da troppo tempo.

Sono piccoli ma significativi passi, che testimoniano l’assoluta necessità del Federalismo e che possono avvicinare sempre più il traguardo dell’Autonomia e Libertà per i nostri territori.

Servizio Precedente

Costo della vita, ambiente e lavoro. E' il programma elettorale di Millenial e GenZ

Prossimo Servizio

Il ‘Serpente Verde’ e l’assalto al Regno del Sud

Ultime notizie su Lombardia