Bergamo, parla il medico: situazione gravissima provocata anche da asintomatici

Lettura 2 min

di Max Rigano – Ore 19.30 di mercoledì 18 Marzo. “Guarda Max, a Bergamo abbiamo una situazione gravissima provocata dagli asintomatici. Grazie al fatto che per settimane è stato loro concesso di circolare oggi paghiamo le conseguenze. I morti sono molto più di quelli dichiarati. Mancano all’appello coloro che sono deceduti a casa e a cui non è stato fatto il tampone. Dovevano fare la zona rossa anche qui come a Codogno come avevano chiesto i sindaci di Alzano e Nembro”.

Chi si ammala?

“Purtroppo questa settimana abbiamo intubato anche uomini attorno ai 40 anni, non sono tutti vecchi”.

La fonte è medica e arriva dalla città di Bergamo.

Come la vedi?

“Siamo molto orgogliosi di come abbiamo reagito. Abbiamo avuto un forte stress sanitario ma oggi ci arrivano i materiali che abbiamo richiesto e soprattutto l’ospedale è dotato delle più moderne attrezzature per affrontare il Covid -19. Adesso poi allestiranno il campo ospedaliero grazie agli Alpini alla Fiera di Bergamo e domani arriveranno 75 nuovi infermieri e 30 medici dalla Cina”

Ore 22.30

Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, annuncia che la Regione ha cambiato idea. A Bergamo, città colpita duramente, e nelle sue città limitrofi, non si farà più l’ospedale da campo. La notizia, dice Gori, è stata confermata da Guido Bertolaso. “La protezione civile lombarda ci ha ripensato, si punta sull’ospedale di Fiera Milano”.

Cosi vanno le cose nella regione con la migliore sanità del Paese. A poche ore dall’inaugurazione fatta dallo stesso sindaco Gori dell’ospedale da campo, si cambia idea. Di nuovo un rovesciamento delle attese, di nuovo qui in territorio bergamasco. Bergamo città ferita. Mai doma.

“Tu sai come siamo fatti, siamo gente che non si piega, abituati a non mollare mai”. Traditi una seconda volta, in questa circostanza direttamente dai vertici regionali. Bergamo piange le sue vittime, i suoi morti trasportati fuori Regione dalle camionette militari.

Il nemico invisibile colpisce ancora. “Dovrebbero restare a casa tutti, Max. Dillo, cazzo: restate a casa.”

Il rischio è di finire dentro una di quelle bare.


Photo of Camilo Jimenez

Default thumbnail
Servizio Precedente

Un abbraccio a tutti i bergamaschi. Siamo con voi e vi stringiamo forte

Default thumbnail
Prossimo Servizio

Terzo aggiornamento su Covid 19: la Statistica ha detto la sua, ora aspettiamo le autopsie

Ultime notizie su Lombardia