Anche i respiratori veterinari per l’emergenza Covid 19

Lettura 1 min

Già all’inizio del mese alcuni veterinari lombardi avevano avuto sollecitazioni dalle strutture sanitarie umane per verificare la disponibilità di respiratori da impiegare nelle terapie intensive degli ospedali. Quando ancora non si era raggiunto lo sforamento dell’emergenza, sottotraccia tra colleghi si cercava di collaborare. Ora la solidarietà va strutturata. Tanto che in una nota contenuta nella news letter della Federazione nazionale dell’Ordine dei veterinari, la Fnovi, si legge questo:

Fnovi ha ricevuto sollecitazioni anche dal Dipartimento della Protezione Civile per fare da collettore della disponibilità da parte dei colleghi di cedere materiali monouso o strumentazione alle aziende ospedaliere o altre strutture sanitarie. Pur comprendendo le diverse realtà territoriali e il diverso grado di accoglimento da parte delle strutture ospedaliere e delle loro strutturazioni, ci rendiamo disponibili a censire le singole manifestazioni di disponibilità dei medici veterinari.

Invitiamo i colleghi ad inviare all’indirizzo relazioni.esterne@fnovi.it una mail per informare degli strumenti utili al sostegno respiratorio in uso nelle proprie strutture medico veterinarie.
Sono necessari i seguenti dati
Nome e cognome recapito telefonico
tipo di strumento e numero di serie
anno di produzione.

Provincia di ubicazione della struttura medico veterinaria.

Al momento si tratta di mera ricognizione in considerazione di possibili evoluzioni dell’emergenza.

Default thumbnail
Servizio Precedente

Londra, fasce orarie per gli anziani nei supermercati

Default thumbnail
Prossimo Servizio

L'Italia decretina

Ultime notizie su Lombardia