Sfattoria degli ultimi, nuovo capitolo. Il Tar rimpalla all’Asl di Roma, a prescindere dai documenti. Abbattimento (solo?) in caso di Peste suina. Associazioni procedono con loro perizia. Udienza il 12 settembre

Lettura 2 min

La sostanza è questa: Asl1 dii Roma può (come da normativa) abbattere gli animali se ci sono casi di peste suina. Al momento però non accertata. Le associazioni che difendono gli ospiti della Sfattoria degli animali stanno procedendo con una propria perizia. E’ stata fissata per il 12 settembre l’udienza di discussione della sospensiva fermo restando quando sopra.

Ecco di seguito la dichiarazione congiunta delle associazioni intervenute ad adiuvandum nel ricorso presentato dai gestori della Sfattoria degli ultimiEnpa, Leal, Leidaa, Lndc, Oipa, Tda: «Letto il decreto emanato dal Tar del Lazio oggi, 17 agosto, che stabilisce che l’Asl Roma 1 possa valutare se abbattere o no gli animali presenti nel santuario a prescindere dalla documentazione che avrebbe dovuto essere presentata ed esaminata domani secondo il decreto del 14 agosto, auspichiamo che quanto disposto non conduca ad abbattimenti in una struttura dove lo stesso Tar riconosce non esservi un focolaio di Psa attivo. Auspichiamo che l’Asl consenta anche alle controparti di depositare propri documenti e chiarimenti affinché possa instaurarsi un equo contraddittorio e che manifesti essa stessa la volontà di trovare soluzioni alternative che consentano la salvezza di animali sani, chiusi in recinti, iscritti all’anagrafe e costantemente controllati », così le associazioni Enpa, Leal, Leidaa, Lndc, Oipa, Tda a commento del decreto del Tar del 16 agosto riguardante la Sfattoria degli ultimi.

Da parte sua, l’avvocato Giuseppe Calamo dello Studio Curtis Mallet Prevost Colt & Mosle LLP, che segue il ricorso delle associazioni dichiara: «Il decreto in esame accerta che l’azione amministrativa è stata eseguita in violazione dell’art. 12, co. 2, del Regolamento (UE) 2020/687 e, per l’effetto, ha sospeso l’efficacia del provvedimento di abbattimento dell’8 agosto 2022. Inoltre, impone all’Asl di svolgere un monitoraggio dello stato di salute dei suidi presenti nel rifugio, valutando se esistono effettivamente casi in cui è consentito l’abbattimento. Non autorizza gli abbattimenti in generale nel rifugio, dispone semplicemente che l’autorità sanitaria compia nuovi accertamenti essendosi i precedenti rivelatisi erronei. In ragione della diversa lettura che l’Asl ha diramato, stiamo comunque considerando se proporre un’istanza di modifica».

Servizio Precedente

Brucellosi, la protesta si infiamma. Gli allevatori diffidano il ministero per il piano discutibile di abbattimento

Prossimo Servizio

Oltre il Sistema - Riammesso il simbolo, Palamara: Più forti di prima

Ultime notizie su Lo Zoo