Parole parole parole… Ma quando taglieranno l’Iva al 22% sul cibo per Fido?

Lettura 1 min

Anche gli animali domestici, presenti in una famiglia su tre, contribuiscono ai rincari delle famiglie in questo periodo. “Se la media europea per quanto l’Iva sui prodotti alimentari è al 10%, in Italia raggiunge addirittura il 22%, generando inoltre una doppia concorrenza sleale fra i vari canali di vendita fisici (piccoli negozi) e i colossi dell’online”, spiega da Modena l’associazione di categoria Aisad Confesercenti. “Oggi- continua Aisad nel suo report- ci troviamo davanti a una disparità. Da una parte i piccoli negozi fisici e catene fisiche che vendono al pubblico si trovano l’Iva al 22%, mentre online, se lo stesso prodotto si vende a un cliente europeo, quest’ultimo lo trova con Iva al 10%”.

Inoltre, “con l’arrivo della pandemia e le crescite enormi di vendite dei colossi dell’online, i piccoli negozi fisici e catene fisiche subiscono enormi danni di mancata crescita e il cliente paga di più il prodotto, cominciando ad abbandonare la vendita tradizionale. Si toglie a noi per dare ai colossi e a rimetterci è anche lo Stato“, aggiunge l’associazione. Ecco quindi la richiesta a livello nazionale: “E’ necessario che il Governo intervenga per abbassare l’Iva al 10%, per aiutare non solo le famiglie che hanno un animale domestico ma anche i proprietari di negozi di animali, messi duramente alla prova dall’emergenza coronavirus e dal caro bollette. Un’aliquota Iva agevolata andrebbe a vantaggio di tutti, dello Stato, dei proprietari di animali e dei commercianti, evitando a molti- conclude Aisad- di abbassare definitivamente la saracinesca, dalla produzione alla distribuzione tradizionale”. (Fonte Dire)

Servizio Precedente

Ma cosa fanno con Tim, dividono la rete dai servizi? La notizia fa salire il titolo in Borsa

Prossimo Servizio

Peste suina – Le chiacchiere di Roma, il disastro al Nord

Ultime notizie su Lo Zoo