PAPA FRANCESCO: «ATTENTI ALLA “CULTURA VETERINARIA”». OIPA: «FORSE GLI ANIMALI NON MERITANO CURE?»

24 Novembre 2023
Lettura 1 min

Gli animali sono esseri senzienti, aspettiamo qualche parola di Francesco anche a loro favore in nome di una compassione universale che ancora non vediamo in questo pontefice.

Papa Francesco è tornato oggi sul tema degli animali domestici che a suo avviso sostituirebbero i figli. «Sembra che le famiglie preferiscano avere dei cagnolini o dei gatti e non dei figli: è la “cultura veterinaria”, state attenti a questo. È questa l’eredità che lasciamo?», ha detto il pontefice rivolgendosi ai rappresentanti delle popolazioni del centro-Italia colpite dal sisma del 2016-2017, ricevuti stamane in udienza in Vaticano.

L’ennesima esternazione di questo papa che oggi parla addirittura una non meglio definita “cultura veterinaria” in senso denigratorio, un’ideologia dalla quale occorre che i fedeli si mettano in guardia. Ricordiamo che i veterinari lavorano per sollevare dal dolore gli animali come i medici sugli umani. O forse gli animali non meritano cure?

Questo il commento dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa).

È un vero peccato per tutte le famiglie con animali leggere continuamente affermazioni di un pontefice che contrappone esseri viventi gli uni agli altriche sembra censurare l’amore per le altre specie.Gli animali sono esseri senzienti, aspettiamo qualche parola di Francesco anche a loro favore in nome di una compassione universale che ancora non vediamo in questo papa, chiosa l’Oipa.


IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Carne “coltivata” versus allevamenti di massa. Allo Zoo su Antenna 3 il dibattito che divide politica e opinione pubblica. E i diritti degli animali?

Prossimo Servizio

Renzi: “Vedrei bene Draghi presidente del Consiglio europeo. La maggioranza Giorgia non esiste più e ci sarà di nuovo la maggioranza Ursula”

Ultime notizie su Lo Zoo

Oipa ricorre contro ordinanza Fugatti di abbattimento di mamma orsa

L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) ricorrerà al Tribunale regionale di Giustizia amministrativa di Trento contro l’ennesima ordinanza di abbattimento. Questa volta si tratta mamma orsa di 22 anni, la più anziana del Trentino, con i cuccioli al seguito, KJ1,
TornaSu