Padovaland è dog friendly – Il primo parco acquatico con recinti per cani. Il benessere della vacanza a 6 zampe

Lettura 4 min

di Stefania Piazzo – Tu non resti a casa. Anzi. Lettino e ombrellone pure per te, in sicurezza dentro un box recintato di 16 metri quadri, con doccetta sempre disponibile e uno specchio d’acqua tutto a dimensione di cane. Il binomio uomo-animale vive la sua relazione anche al parco acquatico di Padovaland. Pioniere di questa intuizione, che trova per ora spazio solo in alcune ben attrezzate spiagge italiane (troppo poche, purtroppo) è il parco divertimenti alle porte di Padova nato nel 1989, uno dei primi in Italia, fondato da Enrico Pozzi e oggi gestito dai suoi figli.

Si sviluppa su 50 mila metri quadri totali, con un grande lago naturale al centro di altri 30 mila metri quadri e, da questa stagione, fornito di un’area dog riservata ai nostri fedelissimi e amati amici, in una zona riservata rispetto al resto del parco e delle sue attrazioni. Tranquillità e sicurezza totale, quindi.

Il cane ci accompagnerà al parco acquatico, potrà essere slegato all’interno del recinto dove il proprietario troverà oltre all’ombrellone, due sdraio ad uso umano e una ad uso canino, più il servizio di acqua sempre disponibile, ciotole comprese. Per i cani appassionati dell’acqua, il lago sarà a loro disposizione per rinfrescarsi.

Il titolare Johnny Pozzi ammette che su tratta di “Un servizio all’avanguardia per chi desidera restare accanto al proprio cane anche all’interno del parco. L’idea di realizzare queste aree private per le famiglie con cane è venuta a mia moglie – aggiunge il titolare di Padovaland – lei non si separa mai dal suo cagnolino e così mi ha dato lo spunto per creare degli spazi privati dove godersi il relax del parco assieme al proprio cane. E’ stata un’ottima idea, lo testimonia il fatto che queste aree sono sempre molto richieste dai nostri clienti, in particolare durante il fine settimana”.

Crescono sempre più in Italia le strutture ricreative, turistiche di divertimento dog friendly, molte spiagge (la prima è stata anni fa la mitica Dog No Problem Bagno 81 a Rimini, ndr) iniziano a fornire il servizio del recinto che consente al cane e al proprietario di passare serenamente momenti di relax e di intensa relazione, lontano dallo stress.

Sotto il profilo etologico si tratta di un’opportunità non indifferente. Non tutti i nostri amici a 4 zampe sono acquatici, non amano necessariamente l’acqua dove passare il tempo. Preferiscono la passeggiata, e poi il meritato riposo sotto l’ombrellone, al fresco, in sicurezza. Non tutti i cani, e non tutte le razze, sono a loro agio con un guinzaglio legato all’ombrellone né sono nate per stazionare da cane pastore accanto al proprietario. Per queste caratteristiche comportamentali il recinto attrezzato è invece il luogo del benessere, del riposo, della condivisione dei tempi e degli spazi col proprietario, garantendo sicurezza e gestione senza problemi per entrambe.

Ben vengano le iniziative come a Padovaland, nella speranza che altri illuminati imprenditori ne prendano l’esempio, ascoltando le proprie mogli!

Per maggior informazioni: www.parcopadovaland.it


Servizio Precedente

L'ennesima crisi, e l'ennesimo rinvio dell'autonomia. Tanto, a Roma cosa importa?

Prossimo Servizio

Vaffa, Papeete e di nuovo Vaffa. Davanti alla sciatteria della politica, Mario Draghi lascia o raddoppia?

Ultime notizie su Lo Zoo