Orso M57, Enpa e Oipa: sentenza storica del Consiglio di Stato: la soluzione è convivenza

Lettura 1 min

L’Ente Nazionale Protezione Animali e l’Organizzazione Internazionale Protezione Animali, in una nota congiunta, apprezzano la posizione espressa oggi dal Consiglio di Stato nella sentenza che, tra l’altro, riconosce che le condanne all’ergastolo dei grandi carnivori sono la strada sbagliata, mentre l’unica percorribile è quella della convivenza. Il Consiglio di Stato ha affermato che “La Provincia di Trento, consultata preventivamente l’ISPRA, nell’esecuzione della presente sentenza dovrà pertanto valutare se le condizioni attuali dell’esemplare M57 abbiano inasprito l’aggressività dello stesso al punto da suggerire l’adozione di misure diverse dalla sua liberazione. In particolare, nell’ottica della tutela dell’incolumità pubblica ispirata al principio di proporzionalità e alla tutela delle condizioni dell’animale come garantita dalle fonti primarie (anche di rango comunitario), l’amministrazione, con il ridetto supporto istruttorio, in sede di esecuzione della presente sentenza dovrà valutare se – avuto riguardo alle accertate condizioni, e ove sussistente al reale livello di pericolosità dell’esemplare – sia praticabile la liberazione con radio collare, ovvero la soluzione analoga a quella in precedenza adottata per l’esemplare DJ3”.

“Una sentenza storica – affermano Enpa e Oipa – di altissimo profilo che riconosce la validità delle nostre posizioni, che entra, finalmente, nel merito, investigando approfonditamente un evento finora affrontato in maniera frettolosa e superficiale. Noi faremo la nostra parte, seguendo con attenzione la risposta concreta della Provincia Autonoma di Trento”.

Servizio Precedente

Sospesi concerti di Barenboim alla Scala, sospetto caso di Covid in orchestra

Prossimo Servizio

"Animali come noi", collettiva d'arti a Milano grazie a Spazio M’Arte/Gaia, animali & ambiente

Ultime notizie su Lo Zoo