Lo studio: i cani, unici animali ad apprendere linguaggio come gli umani

Lettura 3 min

 Anche i cani possono fare calcoli complessi per processare il linguaggio, cosi’ come fanno i bambini. Un nuovo studio di imaging cerebrale condotto da ricercatori ungheresi ha scoperto che i cani, come gli umani, estraggono parole dal discorso continuo utilizzando calcoli e regioni cerebrali simili ai loro padroni. Infatti, i bambini possono individuare nuove parole in un discorso verbale molto prima di imparare cosa significano quelle parole. Per dire dove finisce una parola e ne inizia un’altra, i bambini fanno calcoli complessi per tenere traccia dello schema delle sillabe: le sillabe che di solito appaiono insieme sono probabilmente parole, e quelle che non lo sono probabilmente non lo sono.

Il nuovo studio dei ricercatori dell’Universita’ Eotvos Lora’nd (Ungheria), che combina EEG e fMRI, e’ la prima dimostrazione della capacita’ di utilizzare statistiche complesse per conoscere i confini delle parole in un mammifero non umano. Questo lavoro e’ stato pubblicato su Current Biology. “Tenere traccia dei modelli non e’ esclusivo degli esseri umani: molti animali imparano da tali regolarita’ nel mondo circostante, questo si chiama apprendimento statistico. Cio’ che rende speciale il discorso e’ che la sua elaborazione efficiente richiede calcoli complessi. Per imparare nuove parole dal discorso continuo, non e’ sufficiente contare quanto spesso certe sillabe ricorrono insieme. E’ molto piu’ efficiente calcolare quanto probabilmente quelle sillabe si verificano insieme – spiega Marianna Boros, uno degli autori principali dello studio e ricercatore presso il Neuroethology of Communication Lab dell’Eotvos Lora’nd University -. Finora non sapevamo se anche altri mammiferi potessero usare calcoli cosi’ complessi per estrarre parole dal discorso. Abbiamo deciso di testare le capacita’ cerebrali dei cani di famiglia per l’apprendimento statistico dal linguaggio”.

“Per scoprire che tipo di statistiche calcolano i cani quando ascoltano un discorso, per prima cosa abbiamo misurato la loro attivita’ cerebrale elettrica utilizzando l’EEG – afferma Lilla Magyari, l’altra autrice principale, ricercatrice nello stesso gruppo di ricerca, che aveva posto le basi metodologiche per eseguire l’elettrofisiologia non invasiva su cani svegli, non addestrati e cooperanti -. E’ interessante notare che abbiamo visto differenze nelle onde cerebrali dei cani per le parole frequenti rispetto a quelle rare. Ma, cosa ancora piu’ sorprendente, abbiamo anche visto differenze nelle onde cerebrali per le sillabe che si sono verificate sempre insieme rispetto alle sillabe che si sono verificate solo occasionalmente, anche se le frequenze totali erano le stesse. Quindi risulta che i cani tengono traccia non solo di statistiche semplici (il numero di volte che una parola ricorre) ma anche di statistiche complesse (la probabilita’ che le sillabe di una parola si trovino insieme). Questo, non e’ mai stato visto in altri mammiferi non umani prima d’ora”, conclude la ricercatrice. 

Servizio Precedente

Cacciari, no a lockodown per i non vaccinati. E su Draghi: Un tecnocrate al potere

Prossimo Servizio

I peggiori salari d'Europa. Part-time? "In Italia è spesso involontario e diventa una forma di lavoro povero"

Ultime notizie su Lo Zoo