Gli animali nella Bibbia, al Bioparco di Roma un percorso per conoscerli

Lettura 4 min

 Il rapporto tra gli animali e le Sacre scritture, come specchio della centralita’ che gli esseri viventi rivestono in ogni fede. Questo l’obiettivo dell’itinerario culturale “animali della Bibbia. Un percorso per scoprirli al Bioparco di Roma”, inaugurato questa mattina al Giardino Zoologico della capitale. Promosso dall’Ambasciata d’Israele in Italia e dalla Fondazione Bioparco di Roma il percorso si offre di indagare le specie animali menzionate nel testo Sacro. Il percorso, che attraversa i 17 ettari del parco, e’ costituito da punti di sosta con pannelli descrittivi dedicati a undici, selezionate specie animali citate nei testi sacri: mandrilli, struzzi, leopardi, ippopotami, leoni asiatici, elefanti, asini selvatici, orsi bruni, anfibi, leoni, lupi, cicogne bianche e pellicani bianchi. Ciascun pannello riporta un’illustrazione dell’animale, una citazione tratta dalla Bibbia ebraica, un testo esplicativo e un qr code a cura dell’Ambasciata per conoscere la storia della specie in Israele, le caratteristiche del Paese che ne hanno favorito la diffusione e le iniziative israeliane per promuoverne il reinsediamento nella regione e tutelarne la sopravvivenza. Alla cerimonia hanno preso parte l’Ambasciatore d’Israele in Italia, Dror Eydar, il presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti, l’assessore ai Grandi Eventi di Roma, Alessandro Onorato e la presidente della Comunita’ ebraica di Roma, Ruth Dureghello.

“Di solito quando parliamo di animali in via d’estinzione utilizziamo sempre una figura: l’arca di Noe’, che in modo biblico e in qualche modo corrispondente anche ad antiche realta’, salvo’ ogni tipo di animale presente sulla terra – ha spiegato il presidente del Bioparco di Roma, Francesco Petretti -. Noi siamo un’arca di Noe’ moderna, del terzo millennio. Il bioparco di Roma come tutte le strutture che fanno conservazione della biodiversita’ – ha proseguito – custodiscono il tesoro rappresentato dalle specie animali e lo proteggono sperando in un futuro migliore per riportarlo nei loro territori. Israele per noi e’ un partner importantissimo – ha concluso Petretti – perche’ sta trasformando in concreta azione proprio questo sogno: alcune zone del Paese sono state ripopolate con animali che sono stati allevati proprio negli zoo”. “Il collegamento tra la Bibbia e l’ambiente e’ molto naturale – ha sottolineato l’ambasciatore d’Israele in Italia, Dror Eydar -. Abbiamo la responsabilita’ per il nostro pianeta e per questo abbiamo sviluppato questo percorso. La Bibbia non e’ solo un libro religioso ma e’ la base della civilta’ occidentale – ha proseguito – e credo che come in Israele anche i non religiosi studiano la Bibbia anche in Italia e in Europa si dovrebbe cominciare a conoscerla: cominciamo a farlo tramite gli animali”.

Un’occasione “per rinforzare ancora una volta il grande rapporto di amicizia che c’e’ con la comunita’ ebraica e Israele da parte di Roma capitale e del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri”, ha detto l’assessore ai Grandi eventi di Roma, Alessandro Onorato. “Il bioparco e’ un fiore all’occhiello della nostra citta’ – ha sottolineato – un punto di riferimento per il turismo ma anche per la comunita’ cittadina. Ringraziamo l’ambasciata di Israele e l’ambasciatore per aver rinnovato questo progetto. Si riscoprono le origini della civilta’”. Un’iniziativa che “valorizza la funzione educativa e pedagogica del Bioparco di Roma e consente ai piu’ piccoli di avvicinarsi ai testi sacri durante momenti di svago e intrattenimento – ha sottolineato la presidente della comunita’ Ebraica di Roma, Ruth Dureghello -. Il bioparco e’ un luogo significativo per questa citta’ – ha concluso – e oggi si arricchisce con questo percorso dedicato agli animali della Bibbia”.

Servizio Precedente

Dopo l'arcivescovo di Milano, anche mons. Zuppi presidente della Cei, da Bologna prega per la pioggia

Prossimo Servizio

Il realismo di Berlino, se manca il gas chiudono le aziende

Ultime notizie su Lo Zoo