Campagna Leal contro gli abbandoni. Il video di Ivana Spagna

8 Luglio 2024
Lettura 1 min

L’abbandono degli animali domestici è un problema grave e diffuso durante tutti i mesi dell’anno, ma il periodo estivo che precede le vacanze rimane il più critico perché molti proprietari decidono di disfarsi dei loro animali da compagnia. Questo gesto crudele e irresponsabile, oltre a causare incidenti stradali, ha gravi conseguenze per l’animale abbandonato che oltre ad essere in pericolo di vita rimane esposto a malattie, fame, disidratazione, maltrattamenti e predatori oltre al grave trauma psicologico.

Gian Marco Prampolini, presidente LEAL sottolinea: “L’abbandono è un tema che LEAL affronta tutto l’anno con azioni di sensibilizzazione e appelli, ma anche con campagne a favore della sterilizzazione. Contro l’abbandono dei nostri amici animali quest’anno abbiamo con noi Ivana Spagna che ringraziamo: un’amica e artista sensibile che al grande talento unisce sentimenti di empatia e rispetto nei confronti degli animali e si prodiga in prima persona per tutelarli. Raccomandiamo a chi desidera avere un animale compagno di vita di adottarli dai rifugi dove rischiano di stare a vita a causa della crudeltà e dell’indifferenza di tante persone.”

LEAL ricorda che l’abbandono degli animali è un reato ai sensi dell’articolo 27 del Codice Penale, che sanziona il maltrattamento di animali. Inoltre, la Legge 189/2004 ha inasprito le pene per questo tipo di reato. Nello specifico, l’articolo 727 del Codice Penale prevede: reclusione da 3 a 18 mesi o multa da 5.000 a 30.000 euro per chiunque abbandona un animale domestico, un animale utilizzato a scopo di compagnia o detenuto in cattività.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Ponte Stretto, sindaco di Villa S. Giovanni: Rischio opera incompiuta

Prossimo Servizio

I dubbi sul voto francese e la mossa del cavallo di Macron

Ultime notizie su Lo Zoo

Oipa ricorre contro ordinanza Fugatti di abbattimento di mamma orsa

L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) ricorrerà al Tribunale regionale di Giustizia amministrativa di Trento contro l’ennesima ordinanza di abbattimento. Questa volta si tratta mamma orsa di 22 anni, la più anziana del Trentino, con i cuccioli al seguito, KJ1,
TornaSu