Benessere animale in aziende agricole, Parlamento europeo punta su requisiti di qualità

Lettura 1 min

“Si invita la Commissione e gli Stati membri a valutare entro il 2022 i sussidi che sono dannosi per il benessere degli animali e ad eliminarli gradualmente. Si ritiene che uno degli obiettivi della Pac e dei fondi nazionali debba essere quello di assistere gli agricoltori nella transizione verso metodi di allevamento ad alto benessere e sani dal punto di vista agroecologico, comprese le pratiche agricole a base vegetale e le aziende agricole caratterizzate da pratiche agricole estensive, ad esempio sulla base di una formazione di alta qualità, al fine di garantire il benessere degli animali e la salute ambientale e finanziaria delle aziende agricole. Si ritiene fondamentale avere una coerenza politica futura integrando i requisiti di benessere degli animali anche in altre politiche, come il commercio internazionale, la politica di acquacoltura, la politica agricola comune e la pesca”. Lo chiede un emendamento di compromesso, approvato dalla commissione Ambiente (Envi) del Parlamento Ue, alla Relazione sul benessere degli animali nelle aziende agricole. 

Servizio Precedente

No Green pass - Trieste, venerdì il blocco del porto. A rischio Genova

Prossimo Servizio

Madre no vax, padre per vaccino, Tribunale dice sì alla dose per i figli

Ultime notizie su Lo Zoo