Aviaria sta dilagando in India. Oipa: allevamento intensivo miccia della diffusione. Consumi siano etici

Lettura 1 min

L’influenza aviaria sta dilagando in India. Almeno nove Stati hanno confermato la presenza del virus tra i volatili, mentre altri stanno attendendo i risultati degli esami di laboratorio. Chiudono allevamenti, mercati, zoo, parchi e riserve naturali.

L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) denuncia l’ennesima strage di animali dovuta a una epidemia virale la cui diffusione è incentivata dagli allevamenti intensivi a scopo alimentare.

«È ora di fare scelte etiche nell’alimentazione, passando a una dieta vegetariana o vegana. Finché i consumi di carne non saranno drasticamente abbattuti, l’industria che trasforma vite animali in cibo non diventerà mai, come minimo, una filiera non intensiva e rispettosa del benessere delle sue vittime», dichiara il presidente dell’Oipa InternationalMassimo Pradella.

Servizio Precedente

Bozza piano pandemico: se risorse scarse, decidere chi curare

Prossimo Servizio

Risolto "giallo" rifiuti su scarpata Pedemontana veneta: Non pericolosi e abbandonati da terzi

Ultime notizie su Lo Zoo