Australia, cani anticovid negli aeroporti

7 Dicembre 2020
Lettura 1 min

 Il governo australiano sta addestrando cani da fiuto per individuare passeggeri positivi al coronavirus in arrivo negli aeroporti del Paese. Al progetto, in corso presso l’Universita’ di Adelaide, collaborano le autorità Australian Border Force e il dipartimento di Biosecurity, oltre a servizi di emergenza e partner internazionali.

I cani imparano a riconoscere uno specifico odore in campioni di sudore e sono introdotti a campioni positivi al virus da ‘memorizzare’, in un metodo simile all’addestramento dei cani antidroga. L’obiettivo è di utilizzarli dall’inizio del prossimo anno negli aeroporti per i viaggiatori internazionali parallelamente ai test diagnostici prescritti (PCR), ha detto all’agenzia di stampa AAP la responsabile del progetto, Susan Hazel, della scuola di scienze animali e veterinarie della stessa università. “Sperimentazioni internazionali mostrano che i cani possono essere efficaci nell’individuare il virus anche in persone pre-sintomatiche”, ha aggiunto. Nella prossima fase, ricercatori internazionali cercheranno di isolare l’odore del virus che i cani hanno imparato a riconoscere.

Photo by Chung Nguyen

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

COVID – Su rivista Nature: “Asintomatici non rilevanti come veicolo di contagio”

Prossimo Servizio

7 dicembre. La Chiesa di Ambrogio, 1600 anni di autonomia da Roma. E noi?

Ultime notizie su Lo Zoo

Oipa, convegno a Roma sul “patentino cane speciale”

Occorre introdurre una normativa che preveda il rilascio di un “patentino cane speciale”, dopo il superamento di un corso, come già avviene, per esempio, nel Comune di Milano (v. Regolamento). Questo il tema del convegno dal titolo “Le
TornaSu

Don't Miss