Toti: Embargo gas russo impossibile

Lettura 1 min

L’embargo del gas e del petrolio russi “credo sia una strada complicata. L’etica potrebbe dire di sì, l’utilità e anche la possibilità di farlo molto meno. Sia l’Italia che la Germania sono molto dipendenti dal gas russo e invertire questa tendenza non sarà né facile né economico”. Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, a margine di un incontro del movimento delle “Agende rosse” con 2.000 studenti, stamattina al Teatro Carlo Felice di Genova. “Occorre intanto cambiare mentalità nel nostro Paese- sostiene il governatore- se siamo così dipendenti dal gas russo, lo si deve anche ai troppi no alle trivelle, ai rigassificatori, ai giacimenti italiani, all’utilizzo di altre fonti di energia, a una transizione ecologica forse troppo entusiasticamente semplificata e ideologizzata”. Per Toti, “se vogliamo davvero un’autonomia o quanto meno un migliore equilibrio energetico, dobbiamo tornare a pensare, nel medio periodo, al nucleare, nel brevissimo periodo, forse, al carbone, come i tedeschi che non l’hanno mai spento fino in fondo. E, poi, i rigassificatori e nuovi approvvigionamenti”. Il governatore ribadisce che “non sarà una cosa né semplice né facile. È un tema su cui c’è troppa demagogia e su cui ce n’è stata troppa in passato. Quelli che ora urlano alla dipendenza dalla Russia, dovrebbero fare un sentito ‘mea culpa’ per tutti gli errori del passato”. 

Servizio Precedente

E' emergenza idrica, falda a meno 200% in Padania

Prossimo Servizio

VIDEO - Italia espelle 30 diplomatici russi per ragioni di sicurezza nazionale

Ultime notizie su Liguria