Svizzera pensa a confisca beni russi per ricostruzione Ucraina

Lettura 1 min

Il ministro degli Esteri svizzero ha suggerito che il Paese potrebbe confiscare i beni russi congelati e utilizzarli per la ricostruzione dell’Ucraina. “Se vogliamo seriamente aiutare a ricostruire l’Ucraina, dobbiamo pensare a come finanziarla”, ha detto Cassis al quotidiano svizzero Tages-Anzeiger, secondo quanto riportato da Bloomberg. Le autorità di un certo numero di Paesi stanno discutendo un simile passo, ha aggiunto, “ma questo deve essere fatto correttamente secondo lo stato di diritto”. Attualmente i 7,5 miliardi di franchi (8,2 miliardi di dollari) di beni che la Svizzera ha congelato ai russi sanzionati – una frazione dei 150 miliardi di franchi di beni russi totali stimati nel Paese – non possono essere confiscati, ha detto Cassis. La modifica di questa legge richiederebbe probabilmente un referendum. Il Canada ha avviato il processo per utilizzare i proventi dei beni sequestrati per aiutare a ricostruire l’Ucraina e risarcire le vittime della guerra. Cassis ha affermato che a livello internazionale sembra esserci una “grande volontà politica comune”, ma ha aggiunto che tali azioni sono complicate. “Non possiamo semplicemente prendere denaro che non ci appartiene solo perché pensiamo che sia moralmente giusto”, ha detto il ministro. “Il diritto alla proprietà è fondamentale”. Le banche svizzere sono state molto critiche nei confronti della proposta, sostenendo che ignorare i diritti di proprietà in questo modo minerebbe la posizione della Svizzera come piazza finanziaria.

Servizio Precedente

“Fatela finita con i medici a gettone”. Per Ugl Sanità da tracollo

Prossimo Servizio

FdI: Norma “Salva Trump” – Multa mezzo milione di euro ai social che censurano

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA