Secondo Mosca, Kiev paga 25 dollari a comparsa per inscenare false riprese di stragi

Lettura 3 min

“Le autorita’ ucraine stanno intensificando una campagna per diffondere accuse deliberatamente false contro i militari russi, il che solleva dubbi sulla sincerita’ delle dichiarazioni di Kiev di voler risolvere la crisi attraverso la diplomazia”. A dichiararlo e’ l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov in un’intervista a Newsweek ripresa dalla Tass.

“Ogni giorno, le autorita’ ucraine intensificano la loro campagna di disinformazione anti-russa, lanciando accuse infondate di presunte atrocita’ e crimini di guerra delle forze armate russe. A giudicare dalla retorica, la leadership dell’Ucraina e’ guidata non tanto dalla preoccupazione per la popolazione civile quanto dal desiderio di assicurarsi l’immagine di una “vittima” e screditare il nostro paese”, aggiunge assicurando di sapere “per certo che il regime di Kiev sta preparando un altro contenuto provocatorio sulla morte di civili nella regione di Kharkov, presumibilmente come risultato delle azioni delle forze armate russe”. “Le persone – afferma – vengono pagate 25 dollari per partecipare alle riprese inscenate”

. E “la reazione di alcuni paesi ai tragici eventi nella citta’ di Bucha e’ sorprendente – prosegue l’ambasciatore russo negli Stati Uniti ripreso dalla Tass – senza preoccuparsi di capire cosa sia successo, i colleghi hanno dato la colpa di tutto all’esercito russo. Le incongruenze che indicano la natura fabbricata dell’azione sono ignorate”.

Antonov, infatti, ricorda “che il 31 marzo, il sindaco della citta’ di Bucha [Anatoly] Fedoruk ha dichiarato il ritiro delle truppe russe e non ha detto una parola sui residenti colpiti. Le prime accuse sono apparse sui media occidentali solo il 3 aprile”. “Sembra improbabile che nessuno abbia notato i corpi morti che giacevano sulle strade per 4 giorni”, sottolinea il diplomatico.

“Il primo aprile – ricorda – sono arrivati i rappresentanti del servizio di sicurezza dell’Ucraina e della polizia nazionale. Hanno annunciato la loro intenzione di liberare il territorio dai complici russi. I radicali ucraini hanno persino chiesto l’esecuzione dei cittadini comuni che non hanno segni di identificazione speciali”.

Antonov nota che “il ministero della Difesa russo ha anche le prove dei terribili crimini pianificati dalle autorita’ ucraine nelle regioni di Sumy e Kiev”. E “tutto questo accade proprio mentre la parte ucraina ha espresso la sua disponibilita’ a riaffermare il suo status di non nucleare, non blocco e neutrale. Per tutti i paesi, questo e’ estremamente importante. In questo contesto, la sincerita’ delle dichiarazioni di Kiev sul desiderio di cercare modi per risolvere la crisi diplomaticamente e’ molto discutibile”, conclude. 

Servizio Precedente

La pandemia silenziosa dei pesticidi

Prossimo Servizio

La preside di Roma e la vicenda con lo studente. Nel vero marasma c'è la scuola, con i suoi dirigenti isolati e il suo ferreo sistema di ispezioni

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA