Putin mobilita 300mila riservisti. “Occidente vuole distruggerci”

Lettura 2 min

La mobilitazione parziale in Russia prevede il richiamo di 300.000 riservisti. Si trattera’ di uomini che hanno gia’ servito nell’esercito, con esperienza di combattimento e specializzazioni militari. Sono esclusi i militari di leva. Lo ha detto il ministro della Difesa Serghei Shoigu, citato dalla Tass, aggiungendo che scopo della mobilitazione e’ “controllare i territori liberati” in Ucraina. 

 L’annuncio di una “mobilitazione parziale in Russia per difendere il paese”, il riferimento al nucleare, il sostegno al referendum promosso nel weekend nei territori ucraini conquistati. Sono questi i punti essenziali del discorso di Vladimir Putin, che in mattinata ha parlato alla nazione in un atteso messaggio che era stato fissato per martedì sera e in seguito misteriosamente rinviato a stamattina. Il presidente russo ha ancora una volta sfidato frontalmente l’Occidente, accusandolo di aver prima sciolto l’URSS nel 1991 e adesso di “russofobia” e di voler “indebolire e smembrare la Russia”. E’ per questo che il capo del Cremlino ha annunciato la mobilitazione parziale in Russia, chiamando per il momento i soli riservisti a un nuovo periodo di addestramento: “Per la difesa del nostro popolo, della sovranità della Russia e dell’integrità del nostro territorio, ho appoggiato la decisione del ministero della difesa e dello stato maggiore di introdurre la mobilitazione parziale. Questa riguarderà i cittadini che fanno parte delle riserve, che hanno già svolto il servizio militare di formazione all’interno delle forze armate”. 

Il decreto è già stato firmato e l’operazione inizierà da oggi. Putin ha poi annunciato che il Donbass è “parzialmente liberato”, che il Luhansk è stato “ripulito dai nazisti” e che in tal senso “i territori occupati dell’Ucraina che hanno annunciato il referendum per l’adesione alla Russia hanno il nostro pieno sostegno”. Il riferimento è ai referendum promossi dai leader filorussi dei territori ucraini di Luhansk, Kherson, Donetsk e Zaporizhzhia, dove dal 23 al 27 settembre si terrà un voto-farsa per l’annessione alla Russia. A quel punto, qualsiasi azione bellica all’interno di queste zone sarebbe considerata come un attacco diretto al Cremlino. E’ la temuta ma attesa escalation militare di Putin, che rivolgendosi ancora all’Occidente ha concluso il proprio discorso evocando il nucleare. 

Servizio Precedente

La lettera - Aderenti, Rete 22 Ottobre: L'autonomia fuori dal dibattito di tv e giornali

Prossimo Servizio

L’INVASIONE MILITARE ITALIANA DEL 1859 E L’OPPOSIZIONE CONTADINA DI FOSSALTA FERRARESE

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA