Mosca pensa a “sanzioni” per la stampa. Una tassa sui visti

Lettura 1 min

“Se il finanziamento delle ambasciate russe all’estero si rivelasse impossibile, Mosca e’ pronta a prendere contromisure”: lo ha affermato il vice Ministro degli Esteri russo Yevgeny Ivanov come riferisce Interfax. “La situazione rimane difficile e le nostre agenzie competenti, la Banca centrale e il Ministero delle Finanze, ci stanno lavorando. I conti delle ambasciate russe sono stati bloccati in un certo numero di paesi: il principio di reciprocita’ dovrebbe applicarsi in questi casi”, ha aggiunto parlando con i giornalisti. In arrivo anche restrizioni da parte di Mosca per i visti dei giornalisti che arrivano dai Paesi considerati ostili, sempre secondo il rappresentante del ministero degli Esteri. E secondo quanto riferito da Interfax, Mosca starebbe pensando a visti per “un ingresso singolo” puntando inoltre ad aumentare le tasse da pagare per chiedere i visti. 

Servizio Precedente

Ultimatum russo a Mariupol: "Deponete le armi dalle 14 di oggi"

Prossimo Servizio

Galli, un errore il lockdown in Cina. Omicron non è il virus di Wuhan

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA