La guerra si sposta a ovest. Vicini i confini con Romania, Slovacchia e Ungheria. Colpito istituto a Kharkiv con reattore sperimentale

Lettura 1 min

Una serie di attacchi aerei russi sono stati segnalati nella città ucraina sudoccidentale di Ivano-Frankivsk. La città si trova vicino al confine tra Romania, Slovacchia e Ungheria e si trova a sud di Lutsk. È la prima volta che le operazioni militari russe si spostano in quest’area. Il consigliere del ministero degli affari interni ucraino, Anton Gherashchenko, ha affermato che sono state segnalate tre esplosioni mentre il sindaco della città Ruslan Martsinkiv ha affermato che le esplosioni sono state viste vicino all’aeroporto.

Intanto  le forze della Repubblica popolare di Donetsk hanno preso il controllo di Volnovakha, a nord di Mariupol. Lo ha riferito il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, citato dalle agenzie di stampa russe. 

Le forze russe hanno attaccato l’istituto di Fisica e Tecnologia nella città di Kharkiv, nel nord-est dell’Ucraina, dove si trova un reattore nucleare sperimentale. Lo ha riferito il Parlamento ucraino su Twitter, precisando che nel raid è stato incendiato un ostello situato nei pressi. Anton Gerashchenko, consigliere del ministro dell’Interno, ha affermato che nell’istituto ci sono “fonti di radiazioni utilizzate per scopi scientifici”. 

Servizio Precedente

Ucraina-Russia. L’invasione delle fake. E dal divano di casa ognuno combatte la sua piccola guerra. Prima di ordinare una pizza

Prossimo Servizio

11 marzo 2004, la Padania continua…

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA