Guerra, la Lega si smarca. Salvini: Dubbi su invio armi a Kiev

Lettura 1 min

 “A chi vanno queste armi? Attenzione il tema è in che mani finiscono perché non c’è un rapporto esercito-esercito. Cosa succede fra due mesi? Queste armi avvicinano la pace? Salvano la vita dei civili ucraini o condannano altri civili ucraini? Quando si parla di guerra bisogna sempre essere molto prudenti, attenti e cauti”. Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, intercettato dai videomaker nei pressi del Senato. Io all’inizio, come la stragrande maggioranza degli italiani, ho detto subito sì, senza se e senza ma, all’invio di aiuti economici, umanitari e militari per l’Ucraina. Sono passati due mesi, è servito? Inizio ad avere dei dubbi. Adesso secondo me Zelensky e Putin potrebbero e dovrebbero sedersi a un tavolo. Non vorrei che ci fosse qualcun altro, per altri interessi, a non volerli fare sedere al tavolo”, conclude.

Servizio Precedente

Fanpage e il giallo delle assenze-presenze del leghista on. Lorenzato: “Io c’ero. Ma non è obbligatorio votare”

Prossimo Servizio

Putin a Macron: Ancora disponibili al dialogo

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA