Proposta leghista bipartisan: Via libera a togliere la vergognosa causa della”incuria” per giustificare il disastro del Vajont

4 Luglio 2024
Lettura 1 min

Il Senato ha rimosso la parola “incuria” dalla legge sulla memoria del Vajont. Lo ha deciso, all’unanimità, la commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama, su proposta del segretario regionale della Lega del Friuli Venezia Giulia, Marco Dreosto. La modifica del testo originario, richiesta a gran voce da superstiti e Comuni, è stata ritenuta talmente condivisibile da non dover nemmeno passare per l’Aula: il provvedimento è stato approvato in sede legiferante, diventando automaticamente norma. Ora l’atto passa alla Camera dei Deputati per il nulla osta definitivo e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Una proposta, quella di Dreosto, accolta in modo bipartisan da tutti i partiti, che potrebbe garantire un iter altrettanto breve in modo che la nuova disposizione sul Vajont sia vigente prima del prossimo 9 ottobre.

In quell’occasione infatti “si celebrerà il 61/o anniversario dalla tragedia e sarebbe opportuno che il Parlamento desse una risposta concreta alle istanze del territorio – ha spiegato il senatore friulano, ringraziando i colleghi di ogni schieramento per il supporto all’iniziativa – Nel 2011 è stata licenziata una normativa che fa della sciagura del 1963 un monito per l’Italia intera. Tuttavia, vengono citati gli eventi luttuosi provocati dall’incuria dell’Uomo quando è evidente che il Vajont non è frutto di semplice negligenza. Lo scorso ottobre, il presidente Sergio Mattarella ha fornito un assist alla nostra idea direttamente dai detriti del monte Toc. Salito a Erto e Casso e Longarone per abbracciare le comunità, il Capo dello Stato ha parlato di una catastrofe dalle chiare responsabilità”.

L’intervento di Mattarella “ha trovato subito piena adesione al Senato e di ciò ne andrò sempre orgoglioso”, ha concluso il firmatario della proposta di legge che ricorda, appunto, come sia pericolosamente riduttivo limitare all’incuria dei fatti che hanno segnato la storia del Paese e della stessa Europa.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Giustizia difficile, arriva il dl contro il sovraffollamento delle carceri. Opposizioni contro il ministro Nordio

Prossimo Servizio

Autonomia, proposta di abrogazione in Cassazione e regioni sul piede di guerra

Ultime notizie su Friuli VG

TornaSu